Rischio boom di licenziamenti dal 17 agosto secondo Unimpresa

Al termine del blocco imposto dal decreto rilancio, il 17 agosto, c’è il serio rischio di un boom di licenziamenti.

Rischio boom di licenziamenti dal 17 agosto secondo Unimpresa
You’re fires (foto Pixabay)

Dal 17 agosto verrà meno il blocco dei licenziamenti imposto dal decreto rilancio e sarà possibile per le aziende comminare di nuovo licenziamenti per giustificato motivo oggettivo.

Lo prevede il Centro studi di Unimpresa che ha stimato che la situazione complessiva dell’occupazione, a causa del Covid-19, sia peggiore rispetto a quella di 10 anni fa.

In particolare, le ore di cassa integrazione di cui le aziende hanno ususfruito nell’ultimo bimestre sono pari a 1,7 miliardi; nel 2010 erano 1,3 miliardi.

Il timore espresso da Unimpresa è quindi che al 17 agosto 2020 fiocchino i licenziamenti che non sono stati comminati fino ad ora.

Leggi anche —> Lavoro nero: un milione di famiglie vive così secondo l’Istat

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Licenziamenti attesi nonostante gli ammortizzatori sociali

Rischio boom di licenziamenti dal 17 agosto secondo Unimpresa
Time to say goodbye (foto Pixabay)

Secondo Unimpresa sono due i possibili esiti della situazione economica creatasi post Covid.

Il primo, nel caso in cui l’epidemia effettivamente si esaurisca, presuppone un calo del pil quest’anno del 9,2% e un recupero del 3,8% nel 2021.
In questo scenario gli occupati si ridurrebbero del 3,9%.

Nella seconda ipotesi, che tiene conto di una nuova ondata, il pil potrebbe scendere del 13% con una riduzione degli occupati di oltre il 5%.

D’altra parte il blocco dei licenziamenti non può essere prorogato ulteriormente, in quanto il costo degli ammortizzatori sociali grava sullo Stato e i fondi mancano.

Rischio boom di licenziamenti dal 17 agosto secondo Unimpresa
Time to say goodbye (foto Pixabay)