Covid19. Buone notizie da una delle zone più colpite nel bresciano

Covid19. Sono state registate 16 nuove nascite in uno degli ospedali più colpiti nel territorio italiano in provincia di Brescia. Riaffiora la speranza

covid19
Nursery – Foto dal Web

Buone notizie da Manerbio, in provincia di Brescia. Nell’ospedale della cittadina lombarda il 23 febbraio scorso venne ricoverato un 51enne di Pontevico, primo paziente bresciano al quale venne diagnosticato il Coronavirus. A lui seguì il giorno dopo una dottoressa del reparto di ginecologia. Fu l’inizio di un incubo.

Cinque mesi dopo rinasce la speranza e con essa 16 piccole vite in 24 ore: 8 femminucce e altrettanti maschietti. L’ultimo nato era atteso con un parto cesareo programmato insieme al suo gemello; è venuto alla luce, a sorpresa, in maniera naturale.

I 15 lettini del reparto di neonatologia non sono stati sufficienti ad accogliere questa esplosione di vita. Ricordiamo che la Lombardia è stata una delle zone più afflitte dalla pandemia da Covid19, le misure di sicurezza rimangono ancora in vigore. Il distanziamento sociale impedisce ai padri e a tutti i cari di poter visitare i nascituri e le neo mamme.

LEGGI ANCHE -> La nipote di Trump scrive un libro bollente sui segreti del passato del presidente

Rinasce la speranza a Brescia dopo l’incubo del Covid19

Covid19
Ospedale Manerbio – Foto dal web

Una delle donne che ha appena partorito racconta al Giornale di Brescia di essersi recata a fare una visita di controllo, fortunatamente il bimbo godeva di ottima salute. “Non ero psicologicamente preparata a partorire, ero di 41 settimane. Il medico ha voluto comunque indurmi al parto per sicurezza. Ho fatto un po’ di storie, non ho voluto nemmeno salutare il mio compagno.” 

I padri hanno potuto assistere al parto. Secondo le regole anti-covid hanno però dovuto attendere il rientro di compagne e neonati a casa.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Coronavirus
Neonato – Unsplash

In generale i nuovi nati nei primi mesi del 2020 sono stati 370, 12 in più rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Considerando i numerosi lutti che hanno caratterizzato le scorse settimane, queste nascite rappresentano un nuovo germoglio di speranza e spinta vitale di ripartenza.

LEGGI ANCHE -> L’attrice Naya Rivera di Glee è scomparsa in un lago in California