Argentario, festa con oltre 350 persone denunciati padre e figlio

All’Argentario, nella Maremma Toscana, festa abusiva con 350 invitati. La festa è stata organizzata da padre e figlio che adesso dovranno rispondere di diversi reati

Festa abusiva all'Argentario (Web)
Festa abusiva all’Argentario (Web)

Porto Ercole – Avevano organizzato una festa all’interno della propria villa con oltre 350 invitati assolutamente senza rispettare il divieto di assembramenti per l’emergenza Coronavirus. Per questo motivo padre e figlio sono stati denunciati dai carabinieri di Porto Ercole.

Nel giorno in cui il ministro della Sanità Roberto Speranza invita tutti a rispettare le indicazioni per prevenire l’insorgere di nuovi focolai Covid – visto e considerato che per il terzo giorno consecutivo nel mondo si sono registrati oltre 200mila casi – e la governatrice della Calabria, Jole Santelli, torna a minacciare di chiudere la Regione dopo i casi dei migranti sbarcati a Roccella Jonica, c’è chi si diverte ad organizzare festini abusivi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino dell’11 luglio: i dati dell’epidemia

A tradire però padre e figlio che hanno organizzato la mega festa nella loro villa a Porto Ercole (Argentario), la musica ad alto volume che ha richiamato l’attenzione non solo dei vicini, ma anche dei carabinieri intervenuti su posto.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 10 luglio: ancora in calo i pazienti in terapia intensiva

carabinieri
Carabinieri (Web)

Adesso i due dovranno rispondere in concorso dei reati di trattenimenti pubblici senza licenza, apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo, disturbo della quiete pubblica e violazione del divieto di assembramenti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.