Il virologo Clementi a gamba tesa sullo stato di emergenza prorogato: “Ingiustificato”

Inaccettabile per il virologo Massimo Clementi la proroga dello stato di emergenza da Covid-19: “Decisione ingiustificata”

Clementi coronavirus
Professor Massimo Clementi (foto dal web)

Sono attimi di tensione e insubordinazione tra gli esperti per il tema che tiene banco nelle ultime ore: la proroga dello stato di emergenza da Covid-19.

A tal proposito l’esperto di virologia all’Università Vita- Salute San Raffaele di Milano, Massimo Clementi ha commentato in maniera indignata la presa di posizione degli organi di governo.

L’emergenza pandemca da Covd-19 è ancora in atto e sotto gli occhi di tutti, ma si sta cercando di dare una fotografia troppo tragica del nostro Paese, dando un’interpretazione completamente diversa della realtà, da come ci vogliono far credere.

In un’intervista al Quotidiano, il virologo Clementi considera fuori luogo la decisione di prorogare lo stato di emergenza. E’ un passo indietro rispetto ad altri Paesi, anche meno industrializzati di noi. “Così si rischia di mettere a repentaglio la democrazia del nostro Paese”.

Leggi anche —> Coronavirus, il bollettino del 12 luglio: i dati dell’epidemia

Clementi sul Covid-19: “Basta poco per tenere il controllo della situazione”

Durante la sua intervista a il Quotidiano, il virologo Massimo Clementi puntualizza l’indecorosa e ingiustificata idea da parte del governo M5S-PD, di alimentare le inquietudini ad una popolazione, già segnata e stanca della battaglia infinita contro il Covid-19.

Clementi coronavirus
Professor Clementi (foto dal web)

Siamo in una fase abbastanza tranquilla della pandemia e prendere decisioni del genere oggi rappresentano un’ulteriore motivo di assillo della mente umana, già afflitta da problemi di tutt’altra natura.

“E’chiaro che se all’interno di un mezzo di trasporto ci siano 20 persone assembrate, il contagio è più sensibile” – così l’esperto Clementi che in ogni caso giustifica il comportamento ormai lontano da principi di aggressività come ai tempi di Marzo e Aprile. In fondo basta tenere la mascherina e rispettare il distanziamento sociale per prevenire qualsiasi focolaio: “Siamo istruiti ormai in tal senso”.

“Gli ultimi focolai in Italia sono frutto di contagi provenienti dall’estero e in ogni caso ininfluenti sul passaggio in terapia intensiva del paziente”.

Leggi anche —> Alberto Zangrillo, parole al veleno contro alcuni colleghi

Coronavirus pub
Il pub Pogue Mahone’s di Milan, la protesta dei titolari (foto dal web)

A fronte delle decisioni discutibili del governo, Massimo Clementi è pronto a scendere in piazza e manifestare, in difesa del popolo tutto.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter