Omicidio in culla: bimbo di 2 anni trovato morto. Mistero sui fatti

Omicidio in culla: bimbo di 2 anni trovato morto nella sua cameretta. I fatti risalgono a due anni fa. Ora arriva la conferma che non sia stato un incidente

Omicidio in Culla
Omicidio in Culla – Foto dal Web

Era l’11 ottobre 2018 quando il corpo del piccolo Wilder McDaniel è stato trovato privo di vita nella sua casa a Witchita Falls, nella Contea di Dallas.

Le sue condizioni erano disarmanti: steso sul pavimento, accanto alla culla, il cuscino ricoperto di sangue. All’inizio si pensò che il bambino fosse vittima di un incidente notturno, scivolato dal suo lettino. Adesso arriva la conferma dell’esame autoptico: Wilder McDaniel è morto per asfissia.

Le condizioni del cuscino suggeriscono che possa essere proprio quella l’arma del delitto e che qualcuno lo abbia premuto sul volto fino a togliergli la vita.

Leggi anche —>Costruisce un’altalena per la figlia autistica, una vicina chiede la rimozione

Omicidio in Culla
Wilder McDaniel – Foto dal Web

Il medico legale però dichiara che ci siano ancora irregolarità da comprendere riguardo il luogo del ritrovamento. A quanto pare il bambino sarebbe stato posizionato inizialmente nella culla. Come sia arrivato sul pavimento è ancora da chiarire. Mistero ancora sugli oggetti insanguinati trovati nella cameretta e sulla provenienza del sangue poiché non sono state rinvenute ferite mortali dovute ad una caduta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Dal comunicato ufficiale susseguito all’autopsia si evince un altro dato agghiacciante: “è ritenuta valida l’ipotesi che le lesioni su Wilder McDaniel siano state inferte coscientemente in conseguenza di una lotta o un alterco”.

Leggi anche —>Greta Thunberg, contro di lei un adesivo che indigna