Caso Mario Biondo: la famiglia nomina nuovi esperti, tra cui il generale Garofano

I genitori di Mario Biondo, in vista della decisione sull’archiviazione del caso, hanno nominato nuovi esperti per una perizia, tra cui il generale Luciano Garofano.

Mario Biondo
Mario Biondo (foto dal web)

La famiglia di Mario Biondo, il cameraman siciliano ritrovato senza vita il 30 maggio 2013 a Madrid, si è affidata ad un team di esperti per una nuova perizia sul caso che potrebbe risultare determinante data l’imminente decisione in merito all’archiviazione.

Nei mesi scorsi i magistrati del capoluogo siciliano hanno, difatti, chiesto l’archiviazione, ma i legali della famiglia hanno presentato opposizione ed adesso provano un ultimo tentativo per cercare di far chiarezza sulla vicenda. Tra gli esperti che comporranno il team chiamato in causa, vi è anche Luciano Garofano, generale dei carabinieri in pensione che per molti anni è stato Comandante del RIS di Parma.

Leggi anche —> Mario Biondo, un caso avvolto nel mistero: dalle contraddizioni alle tre autopsie

Caso Mario Biondo: la famiglia nomina nuovi esperti tra cui il generale Garofano

Luciano Garofano
Il generale Luciano Garofano (foto dal web)

Martedì, 21 luglio, il tribunale di Palermo è chiamato a decidere sul caso legato alla morte di Mario Biondo, il giovane cameraman siciliano ritrovato senza vita nel suo appartamento di Madrid nel maggio 2013. I giudici si esprimeranno in merito alla richiesta di archiviazione presentata dai magistrati susseguente all’esito della terza autopsia sulla salma di Mario che avrebbe accertato si sia trattato di un suicidio, così come le prime due effettuate una in Spagna ed una in Italia.

I genitori del cameraman non hanno mai creduto alla tesi del gesto volontario e da anni si battono per trovare la verità sostenendo che, invece, il figlio sia stato ucciso. La famiglia ha, per questa ragione, presentato richiesta di opposizione all’archiviazione e si è affidata ad altri esperti per una nuova perizia. Tra questi anche l’ex comandante dei RIS Carabinieri di Parma, Luciano Garofano che nel corso della sua carriera si è occupato di numerosi casi di rilievo, come la strage di Capaci, la strage di Erba ed il delitto di Cogne. Insieme all’ex militare dell’Arma, come riporta la redazione de IlSicilia.it, vi sono anche altri esperti come il medico legale Maurizio Saliva, l’ingegner Luca Scarselli, la dottoressa Laura Volpini e Maria Gaia Pensieri.

Una nuova perizia, dunque, che potrebbe portare i giudici a tenere aperte le indagini per far definitivamente chiarezza sul caso. In caso contrario, la famiglia, come riporta IlSicilia.it, ha già preannunciato la volontà di ricorrere alla Corte di giustizia dell’Unione Europea.

Leggi anche —> Mario Biondo, parla mamma Santina: “Per alcuni giudici i nostri figli sono solamente un fascicolo con un numero di protocollo” 

Mario Biondo
Mario Biondo (foto dal web)

Martedì, proprio nel giorno che potrebbe risultare decisivo per la vicenda, i genitori di Mario hanno organizzato un sit-in in Piazza della Memoria a Palermo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.