Omicidio Cerciello Rega, Varriale smentisce le voci di legittima difesa

Durante il corso del processo per l’omicidio di Cerciello Rega, emergono nuove informazioni riguardo quella tragica notte. A parlare è il collega del vicebrigadiere.

Omicidio Cerciello Rega processo
(foto dal web)

Era la notte del 26 luglio 2019 quando a Roma il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega fu accoltellato da due 20enni americani. Da allora ha avuto inizio una trafila di eventi che hanno trovato nelle intercettazioni della madre di uno dei ragazzi e nell’audio nascosto dai carabinieri i risvolti più recenti. Finnegan Lee Elder e Gabriele Natale Hjorth sono ad oggi accusati di omicidio volontario ed Andrea Varriale, collega dell’agente rimasto ucciso, è il teste privilegiato. Era lui, infatti, l’altro carabiniere in servizio quella tragica notte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Cerciello, spunta l’audio sospetto: accordo tra carabinieri

Omicidio Cerciello Rega, Varriale riguardo all’arma: “Mia responsabilità”

Omicidio Cerciello Rega processo
Cerciello Rega nel giorno del suo matrimonio (foto dal web)

“Non portare l’arma quella sera è stata una decisione esclusivamente mia, una mia responsabilità” ha raccontato Varriale, spiegando anche che nel turno precedente, svoltosi in zona Termini, i due avevano con sé l’arma di ordinanza. Termini è infatti considerata una zona generalmente malfamata. Il carabiniere ha poi chiarito alcune dinamiche di quella notte, sostenendo di aver mostrato il distintivo ai due ragazzi, prima di riporlo nuovamente in tasca, così da avere le mani libere.

Omicidio Cerciello Rega
Carabinieri (Foto dal Web)

Il dettaglio riportato da Varriale riguardo al distintivo è di fondamentale importanza, perché l’intero processo si gioca intorno al dubbio di legittima difesa. Questo è infatti quanto sostenuto dagli avvocati di Elder e Hjorth, secondo i quali i due 20enni americani avrebbero attaccato per primi, per paura che gli agenti in borghese fossero dei malintenzionati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio in culla: bimbo di 2 anni trovato morto. Mistero sui fatti

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter