Il Premier Conte alza la voce contro Rutte: “Sarai chiamato a risponderne”

Il Premier Giuseppe Conte si è scagliato contro il suo omologo olandese, Mark Rutte avvertendolo che se comprometterà l’efficacia del piano di ripresa ne risponderà lui personalmente.

Giuseppe Conte
Il premier Giuseppe Conte (Getty Images)

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato i vertici dei cosiddetti Paesi Frugali (Austria, Olanda, Danimarca e Svezia) e quelli di Finlandia, Spagna, Portogallo e Grecia. Motivo della riunione la discussione sul piano di ripresa a livello europeo.

Nel corso del summit il Presidente Conte ha ammonito il suo omologo olandese Mark Rutte, affermando che se le sue politiche e posizioni comprometteranno la ripartenza, allora sarà lui personalmente a risponderne dinnanzi ai cittadini.

Leggi anche —> Consiglio UE, Conte: “Siamo in un fase di stallo sul Recovery Fund”

Il premier Giuseppe Conte contro l’olandese Mark Rutte: “Sarai chiamato a risponderne”

Mark Rutte
Il Primo Ministro olandese Mark Rutte (Getty Images)

Perché tanto livore nei confronti di Mark Rutte? In primo luogo è necessario capire chi sono i Paesi Frugali. Quest’appellativo è frutto di un’errata traduzione operata dai media italiani. Olanda, Austria, Danimarca e Svizzera avevano infatti inviato una lettera al Financial Times definendosi “frugal” che significa “parsimoniosi” e non  “frugali” che in italiano sta ad indicare qualcuno moderato nel bere e nel mangiare.

I 4 Capi di Stato dei Frugal sono:

– Sebastian Kurtz (Austria): conservatore e schierato tra le fila del Partito Popolare Europeo;

– Mette Frederiksen (Danimarca): socialdemocratica, simile alla posizione della sinistra italiana;

– Mark Rutte (Olanda): conservatore ed a livello Europeo, raffrontabile con il partito +Europa di Emma Bonino;

– Stefan Löfven (Svezia) socialdemocratico.

Ciò chiarito, l’appellativo affibbiatosi dai Frugal deriva dal loro convincimento in merito ai Recovery Founds, o meglio circa le modalità di erogazione di tali fondi. Questi 750 miliardi a loro avviso andrebbero considerati come prestito e non come sovvenzioni. Una posizione che avrebbe fatto infuriare il Premier Giuseppe Conte, tanto da rivolgersi al suo omologo olandese con toni duri e perentori: “Erroneamente –riporta AdnKoronos credete che il frangente non vi riguardi o che vi coinvolga solo in parte. In verità, se facciamo sì che il mercato unico venga demolito, tu (Mark Rutte ndr) sarai un eroe in patria per qualche giorno. Tuttavia dopo poco tempo – ha proseguito Conte- sarai chiamato a rispondere davanti a tutti i cittadini europei per aver ostacolato una giusta ed efficace reazione europea“.

Leggi anche —> Giuseppe Conte da Bruxelles: “Non siamo disposti ad accettare compromessi”

Stato di emergenza fino a fine anno: lo scenario possibile
Giuseppe Conte (Getty Images)

Il Premier Giuseppe Conte ha poi chiosato affermando: “Voi – riporta la redazione di AdnKronos- siete titubanti perché la somma di cui ragioniamo vi sembra enorme. In realtà questa rappresenta il minimo per una giusta reazione. Se dovessimo ulteriormente tardare, peraltro, questo denaro dovrà essere raddoppiato“.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.