Il rischio di ripresa del contagio continua a esistere, avverte Bankitalia

Bankitalia avverte: “il rischio di ripresa del contagio potrebbe continuare a rimanere elevato”.

Il rischio di ripresa del contagio continua a esistere, avverte Bankitalia
Palazzo Kock, sede della Banca d’Italia a Roma, 29 maggio 2020 (Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Banca d’Italia avverte: “il rischio di ripresa del contagio potrebbe continuare a rimanere elevato in presenza di un’ampia diffusione del virus al di fuori dei confini nazionali”.

L’autorità lo rileva in un suo studio secondo cui la possibilità di continuare a contenere la diffusione del virus nei prossimi mesi dipenderà soprattutto  dalle “politiche di prevenzione, di test e di tracciamento dei contatti”.

Infatti, il numero dei test in rapporto al contagio é cresciuto in tutte le regioni e “appare complessivamente adeguato” secondo gli studiosi.
Tuttavia la situazione rimane eterogenea su base regionale.

Infatti,  le politiche di testing non sono uniformi “e non è al momento chiaro se tutte le regioni siano dotate di sistemi informativi di sorveglianza adeguati per il monitoraggio e il tracciamento dei contatti per i casi sospetti”.

Inoltre, secondo il report di Bankitalia l’Italia rimane uno dei paesi più colpiti dal contagio in termini di incidenza della mortalità per Covid-19 nella popolazione.
Ed é grazie al rigido lockdown nazionale che si è ottenuta “ una riduzione del contagio e dei decessi, portando a un progressivo allentamento delle restrizioni”.

Potrebbe interessarti anche —> Oltre un terzo delle imprese ha dimezzato il proprio fatturato

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Bankitalia analizza i dati: la demografia dei paesi emergenti potrebbe essere tra i motivi della seconda ondata

Il rischio di ripresa del contagio continua a esistere, avverte Bankitalia
Contagio (foto Pixabay)

Infatti, se è vero che le misure europee e italiane hanno permesso di tenere sotto controllo la diffusione del virus tra maggio e giugno “la pandemia ha colpito sempre più altre aree del pianeta, come l’America Latina, il subcontinente indiano e il Medio Oriente. Il contagio è inoltre ripreso a ritmi elevati nelle zone degli Stati Uniti meno colpite nella prima fase, nelle quali le misure di contenimento erano state meno stringenti o in vigore per un periodo più limitato”.

In base alle informazioni a disposizione degli economisti di Palazzo Koch la seconda fase dell’epidemia “sembra caratterizzarsi per aumento più rilevante nel numero di contagi a fronte di una letalità relativamente più contenuta”.

Secondo l’autorità tra i fattori determinanti potrebbero esserci anche “le caratteristiche demografiche dei paesi emergenti principalmente coinvolti in questa fase”.

Il rischio di ripresa del contagio continua a esistere, avverte Bankitalia
Palazzo Kock, sede di Banca d’Italia a Roma, 29 maggio 2020 (Photo by Massimo Di Vita/Archivio Massimo Di Vita/Mondadori Portfolio via Getty Images)

Può interessarti anche —> Banca d’Italia: un terzo degli italiani ha riserve per soli 3 mesi