Zangrillo | duro sfogo a La7 | ‘Ora vogliamo la verità sul virus’

Il professor Roberto Zangrillo su La7 si lascia andare ad una esternazione dai toni non certo teneri. L’esperto si rivolge al comitato tecnico-scientifico.

Zangrillo La7
Roberto Zangrillo La7 Foto dal web

Il professor Roberto Zangrillo sbotta a La7, nel corso di un intervento in diretta alla trasmissione ‘In Onda’. L’esperto precisa di non essere membro del comitato tecnico- scientifico che fin dall’inizio ha fatto da supporto al Governo nella gestione della epidemia, si dice stanco di vedere come stanno andando le cose.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Lamorgese si appella ai giovani: indossate la mascherina

“Se oggi in Lombardia risulta esserci un solo morto come vittima ufficiale del virus, significa che non sta accadendo niente. Poi possiamo raccontare tutte le fiabe che volete”. E Zangrillo a La7 si rivolge proprio al comitato tecnico scientifico. “Mi aspetto che racconti la verità”. Per l’epidemiologo la gente dovrebbe riprendere a vivere come sempre, ma indossando la mascherina. “Specialmente nei luoghi chiusi. Perché sennò il Paese non ripartirà ed il Premier Conte tra due anni avrà necessità di chiedere 800 miliardi all’Europa, anziché i 209 odierni”. L’ultimo bollettino da Covid riferisce di 129 contagiati e 15 morti. I decessi in totale toccano invece quota 35.073, con 244.752 casi totali da febbraio ad oggi ufficialmente riconosciuti.

LEGGI ANCHE –> Vacanze al tempo del Covid, i posti ad alto rischio

Zangrillo La7, l’esperto: “Indossate comunque le mascherine”

Ci sono invece 12.248 positivi e 197.431 guariti. La Lombardia continua a rappresentare l’area maggiormente colpita in Italia con 34 nuovi contagi. Seguono Veneto (22), Emilia-Romagna (18) e Liguria (12). Zero nuovi casi invece in Puglia, Sardegna, Calabria, Valle d’Aosta Molise e Basilicata. Un nuovo infetto a testa per tutte le altre. L’emergenza appare sotto controllo ma si teme sempre un ritorno importante del virus nei mesi freddi, quando si manifesterà di nuovo anche l’influenza, come accade ciclicamente ogni anno. Si discute molto sull’effettivo ruolo giocato dalla stagione calda nell’attenuazione del contagio. Ed in tutto ciò non mancano comunque nuovi focolai, con diverse segnalazioni in merito.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino del 21 luglio: 15 nuovi decessi

Proprio per questo gli esperti consigliano prudenza, con l’utilizzo delle mascherine ed il mantenimento delle distanze tra le persone, specie in luoghi chiusi.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, ora Trump cambia strategia: “Indossate la mascherina”

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.