L’annuncio di Speranza: “Quarantena per chi arriva da Romania e Bulgaria”

L’annuncio del ministro Roberto Speranza: “Per tutti i cittadini che abbiano soggiornato in quei Paesi negli ultimi 14 giorni”

Vaccino Covid-19 importante annuncio dal Governo svolta
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

Gli ultimi focolai e l’allarme lanciato in Romania in particolare con un picco notevole nelle ultime settimane di contagi da coronavirus, hanno portato alla decisione del ministro della Salute Roberto Speranza. Quarantena per chi arriva da Romania e Bulgaria, è il provvedimento del ministero teso a frenare i focolai sparsi un po’ su tutta la penisola. 2Ho appena firmato una nuova ordinanza che dispone la quarantena per i cittadini che negli ultimi 14 giorni abbiano soggiornato in Romania e Bulgaria. Questa misura è già vigente per tutti i Paesi extra Eu ed extra Schengen”. Una mossa necessaria e giusta del ministro in un momento in cui i vari focolai stanno aumentando e possono creare delle criticità in località dove le strutture ospedaliere non sono molto attrezzate come in alcune Regioni del Sud.

Leggi anche > Accordo con Renzi, la verità di Berlusconi

Speranza prende una decisione

Speranza
Il ministro Roberto Speranza (GettyImages)

Il ministro aggiunge poi le consuete raccomandazioni del caso, che in realtà troppa gente, un po’ in tutta la penisola ha un poco smarrito: “Il virus non è sconfitto e continua a circolare. Per questo occorre ancora prudenza e attenzione”, ha ricordato Speranza mentre annunciava il provvedimento nei confronti di coloro che arrivano da Bulgaria e Romania. Proprio dalla Bulgaria arrivavano le persone che hanno acceso il focolaio di Mondragone. Si è trattato di braccianti bulgari che ogni anno, periodicamente, vanno a lavorare nei campi del casertano.

Leggi anche > Laura Pausini tra la natura

Roberto Speranza fase 2
Roberto Speranza (GettyImages)

La Romania, invece, sta vivendo un momento di picco causato da una sentenza che ha definito incostituzionale il ricovero domiciliare. In tanti, infetti, si sono liberati scatenando il picco di questi giorni.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter