Pericolo sul web. Allarmate immediatamente i vostri figli

Pericolo sul web. La Polizia Postale ha diramato l’allarme per quanto riguarda un profilo falso che serve ad adescare minori

Pericolo sul web.
Jonathan Galindo – Foto dal Web

La Polizia Postale ha lanciato un concreto allarme riguardo un profilo falso sul web ( a cui ne sono seguiti altri omonimi, dello stesso stampo e con stesse finalità criminali) che risponde al nome di Jonathan Galindo.

Su tutte le piattaforme social (Facebook, Instagram, Twitter, Tik Tok, Whatsapp) più di una persona, utilizzando quest’identità, adesca minori attraverso messaggi privati. Di solito la foto dell’account è quella di una persona truccata come Pippo, il celebre personaggio Disney, amico di Topolino.

Tale Jonathan Galindo spingerebbe i malcapitati nella propria rete manipolatrice a fare delle challenge, delle sfide, che richiedono atti di coraggio come procurarsi tagli sul corpo che richiamino numeri o forme di lettere.

La Polizia pensa che si possa trattare di un troll che cerchi popolarità attraverso il numero di visualizzazioni. Non si esclude però nemmeno l’ipotesi che dietro questo profilo si celino persone adulte che, circuendo ragazzini più fragili, possano cercare di agganciarli anche con fini sessuali. Dietro il nome di Jonathan Galindo può letteralmente nascondersi chiunque.

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, come togliere “sta scrivendo” nelle chat iPhone o Android

Pericolo sul web: come difendersi

Facebook Messenger condividere schermo iPhone Android
(Getty Images)

L’arma migliore per difendersi è quella di intimare ai propri figli d’ignorare qualsiasi messaggio provenga da account sconosciuti. Le minacce in rete devono essere immediatamente denunciate. Avere contatti con Jonathan Galindo per alcuni potrebbe essere motivo di vanto, niente di più sbagliato. A volte dietro questo nome potrebbero nascondersi virus o malware.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

webcam accesa doccia
internet computer (Foto dal web)

Qualora incappiate in questo profilo, meglio non aprirlo. Segnalare la piattaforma in cui si ha avuto il contatto e l’ orario preciso e comunicarlo immediatamente alla Polizia Postale.

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, quanto consuma come traffico dati mobili su iPhone o Android