Bonus busta paga 2020: tutte le novità del mese di luglio

A partire dal 1° luglio aumenta il taglio del cuneo fiscale e il premio. Bonus 100 per il decreto Coronavirus.

Ministro Economia Gualtieri (Foto)

La busta paga di luglio 2020 sarà più piena, grazie al premio di 100 euro, introdotto dal Decreto Cura Italia per il mese di marzo, ma che alcuni riceveranno nello stipendio di giugno. E dal bonus cuneo fiscale che partirà dal 1° luglio. La legge di Bilancio 2020 e il Decreto 3/2020, prevede il taglio del cuneo fiscale sugli stipendi dei lavoratori dipendenti. Di conseguenza ci sarà un aumento della busta paga in base al reddito di ognuno. Inizialmente il premio di 100 euro era previsto solo per il mese di marzo 2020 e solo per i lavoratori che nel primo mese di lockdown avevano continuato a lavorare. Questo era stato deciso dal primo decreto economico.

Bonus per chi percepisce altri redditi oltre a quello da lavoratore dipendente

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Camici Fontana | la Guardia di Finanza trova i 25mila pezzi incriminati

contanti
soldi (Getty Images)

Cosa prevedono questi due nuovi aspetti? Il bonus Renzi 80 euro diventerà un bonus IRPEF in busta paga da 100 euro per chi ha un reddito annuo che varia da 8.173 euro fino a 26.600 lordi. La cifra di aumento in busta paga varia in base al reddito: da 8.173 fino a 28.000 euro annui il bonus sarà di 100 euro, dai 30.000 euro annui va a diminuire quindi per 30.000 sarà un bonus di 94,3, per 35.000 sarà di 80 euro, per 36.000 di 64 euro, per 39.000 di 16 euro e in fine per 40.000 euro annui non è previsto bonus. Per i redditi che vanno dai 28.001 euro fino a 40.000 il bonus verrà erogato in forma di detrazione fiscale e quindi non verrà accreditato in busta paga.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Uffici pubblici, le norme anti Covid dalle mascherine ai termoscanner

pensione
Soldi (foto Pixabay)

Dal momento che il bonus cuneo fiscale è riconosciuto dal datore di lavoro sulla base del reddito annuale e va in base al numero di giorni di lavoro effettivi. Per chi ha più di un reddito, perché ha un’altra occupazione oltre a quella da lavoratore dipendente. In questo caso il bonus potrebbe essere restituito, dopo aver eguagliato i due redditi.