Disabili: il caso di Anna, pochi lidi handicap friendly

L’Italia non è ancora un Paese per tutti, soprattutto per le persone disabili che come Anna vorrebbero trascorrere una giornata al mare

Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (iStock)
Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (iStock)

L’estate è fatta per trascorrere intere giornate in località turistiche spensierate, soprattutto il mare e la spiaggia, per godere di un refrigerante tuffo, una nuotata e un libro da leggere sdraiati al sole. Ma quante spiagge del nostro litorale sono davvero accessibili a tutti?

Anna è una di quelle donne che nella vita ne ha passate tante: prima l’errore medico che l’ha costretta in sedia a rotelle – nata prematura dopo 5 mesi e mezzo di gestazione, i medici si sono dimenticati di metterla nell’incubatrice – e poi a soli 30 anni è rimasta vedova dell’uomo che amava. Anna ora vorrebbe andare al mare ma non trova strutture vicino la sua Napoli che siano “handicap friendly” e dopo ogni telefonata in cui chiede informazioni è sempre più esasperata.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> L’idea di Zappos: vendere scarpe singole per persone con disabilità

Ci sono discese e passerelle – spiega Annama quasi nessun stabilimento ha la sedia job, una sedia che ci permette di vivere la spiaggia quasi in modo normale. Noi siamo costretti a fare ogni volta centinaia di chiamate per accertarci che ci siano tutti i servizi per noi, ma purtroppo solo l’1% li ha, e molto spesso anche a distanze grandissime da noi, quindi nella maggior parte dei casi siamo costretti a restare a casa”.

La cosa più brutta – continua la ragazza – è che molte di queste telefonate si concludono con i gestori degli stabilimenti che, quasi infastiditi, ti riattaccano il telefono dicendo che sono impegnati e non possono lavorare”.

L’Italia è attrezzata per i disabili che vogliono andare in vacanza?

Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (iStock)
Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (iStock)

L’Italia è ancora molto indietro al riguardo alla possibilità di garantire servizi adeguati a tutti. Diverse regioni e stabilimenti privati stanno solo da pochissimi anni di cercando di adoperarsi con passerelle, carrozzine da spiaggia e altri tipi di facilitazioni. Ciò nonostante le spiagge attrezzate per i disabili sono ancora troppo poche. Specie se rapportate al numero di persone affette da disabilità. L’Osservatorio Nazionale sulla Salute spiega che i disabili nel nostro Paese sono 4 milioni e 360 mila. Ma per l’ISTAT, che annovera anche molte altre variabili sotto la definizione “disabili”, arrivano addirittura a 13 milioni e 177 mila.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Franco Locatelli (CSS), messaggio ai giovani: “Divertitevi, ma non fate queste cose”

Prenotare una vacanza per queste persone può diventare un incubo a volte. Nonostante ogni anno il numero degli stabilimenti balneari e le spiagge pubbliche che modificano le proprie strutture in termini di accessibilità siano sempre di più, l’Italia a differenza di altri stati deve ancora fare molto.

Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (foto dal web)
Disabili, come sono attrezzate le spiagge italiane (foto dal web)

Per consultare l’elenco di tutte le spiagge che assicurano un servizio idoneo anche per chi non è in grado di muoversi in autonomia e desidera però godere come tutti di servizi adeguati, rimandiamo al sito DisabiliNews che mette a disposizione l’elenco di tutti gli stabilimenti attrezzati.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.