Cosmetici: non comprate prodotti con questo ingrediente

Cosmetici. Quando comprate prodotti che spalmate sulla vostra pelle iniziate a prendere l’abitudine di leggere l’etichetta ed evitare questo ingrediente

Cosmetici
Cosmesi – Foto dal web

L’ Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) sta per mettere definitivamente al bando una molecola largamente utilizzata nei prodotti cosmetici presenti sul mercato.

Stiamo parlando del butylparaben, utilizzato principalmente come conservante; alcuni recenti studi hanno accertato che avrebbe un impatto fortemente negativo sulla funzione ormonale e riproduttiva umana, aumenta il rischio di sviluppare tumori, senza considerare gli effetti nocivi sull’ambiente.

Da tempo anche l’associazione americana EGW chiede l’abolizione definitiva dell’uso dei parabeni nei prodotti di bellezza. Sono moltissimi i brand che hanno deciso di rimuoverli adottando formule eco bio, più attente al benessere dei consumatori.

Tuttavia, la strada è ancora lunga, queste sostanze sono largamente utilizzate in un imponente numero di prodotti di uso quotidiano.

Nonostante il butylparaben sia identificato come preoccupante, l’ECHA non è riuscita ad individuare un livello sicuro di esposizione alla molecola. Continuano quindi le indagini e la ricerca; questa sostanza sarà inserita nella lista degli ingredienti che alla lunga dovranno assolutamente essere messi al bando.

Il butylparaben quindi sarà ancora presente nei prodotti cosmetici tuttavia, le aziende produttrici dovranno essere chiare sulle informazioni riguardo la merce venduta, sulla sicurezza della stessa, soprattutto quando le concentrazioni del parabene superano lo 0,1%

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Cosmetici
parabeni – foto dal web

.

Cosa fare quindi per proteggersi? Controllare sempre l’etichetta, la purezza e veridicità dell’ INCI, ossia International Nomenclature of Cosmetic Ingredients.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Allarme Salmonella, il Ministero della Salute predispone il ritiro urgente