Fa sesso con la studentessa minorenne: docente arrestata

Una docente è stata arrestata con l’accusa di atti sessuali con minore per aver avuto delle relazioni sessuali con una sua alunna di sedici anni

nipotina Bambina violenza
(Pixabay)

È cominciato tutto l’anno scorso quando Alessandra (nome di fantasia) aveva 16 anni durante l’anno scolastico. La sua professoressa di italiano ha cominciato a lodarla perché era brava e le parlava d’arte, passione che accomunava entrambe. Allora la ragazza si è dapprima inorgoglita e con l’ingenuità tipica degli anni dell’adolescenza si è affezionata alla sua professoressa 63enne. Senza però capire cosa stava succedendo. La docente è stata arrestata con l’accusa di atti sessuali con minore ed è ora agli arresti domiciliari. La relazione ha inizio nell’anno scolastico scorso in un istituto tecnico vicino Roma. Nessuno rimane stupido delle attenzioni della sua insegnante dato che Alessandra è un’alunna modello e anche una ragazza cordiale e affettuosa. Passa il tempo e le due si vedono anche in orario extra scolastico. L’allora 16enne intuisce qualcosa e rimane perplessa. La prof insiste e Alessandra quindi cede alle sue lusinghe.

LEGGI ANCHE -> Va in palestra: si sente male e muore a fine allenamento a 48 anni

Il sospetto degli inquirenti è che la docente arrestata possa aver teso la stessa trappola ad altre alunne

Violenza donna
(Nino Carè – Pixabay)

Durante l’estate del 2019 quando la relazione è già iniziata, la ragazza parte per andare nella casa di villeggiatura nelle Marche della sua insegnante. I genitori rimangono perplessi ma la loro figlia spiega che non c’è da preoccuparsi perché faranno i compiti estivi. Quando Alessandra torna a casa non è più la stessa di prima: ha perso la serenità e risponde male. I genitori quindi le cominciano a fare domande e lei racconta tutto alla fine dell’estate in lacrime dicendo di aver sbagliato. Mostra anche dei messaggi che le inviava la sua prof, allusivi ma mai espliciti, in cui le diceva anche di allontanarsi dalla famiglia e non dire a nessuno quello che succedeva tra di loro. Mamma e papà non sanno cosa fare ma alla fine denunciano tutto ai carabinieri. Sabato l’insegnante è stata rintracciata proprio nella sua casa di villeggiatura delle Marche ed è ora ai domiciliari.

LEGGI ANCHE -> 40° anniversario Strage di Bologna, Mattarella: C’è bisogno di giustizia

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale , seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

violenze
violenze (foto dal web)

Il sospetto dei militari è che possa aver usato la stessa trappola per altre alunne.