Decreto di agosto: le novità su cassa e licenziamenti

Nel decreto di agosto ci sarà una proroga della cassa integrazione con causale Covid-19, sconti sui contributi e la soluzione del nodo sul divieto di licenziare.

Nel decreto di agosto nuova cassa e divieto di licenziamento
Estate (foto Pixabay)

Con il decreto di agosto alcuni temi saranno nuovamente affrontati in via emergenziale. In particolare, il Governo con tutta probabilità rifinanzierà la cassa integrazione e introdurrà uno sconto sui contributi al fine di incentivare le assunzioni.

Per quanto riguarda la Cassa Integrazione Guadagni la proroga sarà di ulteriori 18 settimane che si aggiungono a quella di altri due mesi di Naspi e Discoll che sono in scadenza a maggio e giugno.

Inoltre, il decreto potrebbe contenere anche, come anticipato,  sgravi contributivi di due tipologie: da un lato un esonero dai contributi per le aziende che riportano i lavoratori in cassa in attività e dall’altro uno sconto dei contributi dovuti per i datori che assumeranno lavoratori a tempo indeterminato entro al 31 dicembre 2020.

Leggi anche —> Decreto di agosto: per far aumentare i consumi un bonus sulle transazioni con Pos

 

Il decreto di agosto metterà un punto anche in tema divieto di licenziamento

Nel decreto di agosto nuova cassa e divieto di licenziamento
Lavoratore (foto Pixabay)

Il tema cruciale in materia giuslavoristica rimane però il divieto di licenziamento e la sua eventuale nuova proroga.

Si tratta dell’obbligo introdotto dal decreto c.d. “Cura Italia” relativo ai licenziamenti collettivi ed economici e che attualmente è in vigore fino al 17 agosto in forza del successivo decreto c.d. “Rilancio“.

Potrebbe interessarti anche —> Le regole dello smartworking che verrà

Nel decreto di agosto nuova cassa e divieto di licenziamento
Licenziato (foto Pixabay)

Infatti, se è vero che da un lato il divieto impedisce l’uscita repentina e massiccia di molti lavoratori dal mercato del lavoro è anche vero che a reggere il meccanismo vi è la cassa integrazione guadagni e le altre integrazioni salariali e che le aziende hanno la necessità di poter riorganizzare le attività in modo più libero.

 

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.