Decreto di agosto: le ipotesi sul contenuto del nuovo testo di legge

Con il Decreto prossimo ad essere approvato saranno stabilite nuove misure per continuare a contenere la pandemia da Covid-19: dal 10 agosto dovrebbe entrare in vigore.

Governo Conte Di Maio Speranza
(Getty Images)

Dopo la bozza pubblicata in esclusiva dall’Ansa, continuano le ipotesi su quelle che saranno le misure adottate dal Governo attraverso il prossimo Dpcm. Al momento si parla solo di voci perché il testo deve ancora essere varato. In ogni caso parrebbe quasi certo il prolungamento dell’uso delle mascherine nonché il divieto di assembrarsi. Quanto alla circolazione sui mezzi pubblici, invece, potrebbero continuare ad essere mantenute le distanze tra un posto ed un altro per i treni.

Leggi anche —> Decreto di agosto: la cassa integrazione potrebbe non spettare a tutti

Decreto di agosto: le nuove misure previste dal Governo

Stato di emergenza fino a fine anno: lo scenario possibile
(Getty Images)

Il Nuovo Dpcm che dovrebbe entrare in vigore dal prossimo 10 agosto pare sia stato redatto avendo quale punto cardine la prudenza. Il Governo in collaborazione con il Comitato tecnico scientifico avrebbe pensato a misure non stringenti, ma di certo che non facciano abbassare la guardia alla popolazione nei confronti del virus. Uso della mascherina, divieto di assembramenti e distanziamento pare non sarebbero stati espunti. Questo anche in virtù, probabilmente dei dati, che nella giornata di ieri hanno mostrato un aumento.

Sempre in ottica preventiva, come riporta Today, è possibile che sui treni regionali saranno mantenuti posti alternati e che quindi non effettueranno percorrenze con il “tutto pieno”. Quello del trasporto su rotaie ha sin da subito creato criticità tanto da richiedere anche per il Dpcm del 14 luglio, l’intervento del Ministero collegato per stilare un vademecum in appendice, spiegando che era frutto di un fraintendimento l’ipotesi di viaggiare a pieno carico. Si parlava soltanto di una riduzione delle distanze sociali ma solo se sottostanti a specifiche condizioni.

Quanto agli aerei, invece, nulla quaestio. Potranno volare pieni in ogni posto e senza il mantenimento della distanza tra un passeggero ed un altro. Sui velivoli, infatti, il riciclo d’aria sarebbe costante. In zona grigia rimangono i trasporti su gomma e rotaie urbane (bus e tram) dove pare non sarò introdotto alcun restringimento.

Stadi e discoteche non riapriranno

Categorico il Governo in ordine agli stadi ed alle discoteche. Secondo le indiscrezioni riportate da Today tifosi e festaioli dovranno attendere. Circostanza che invece non toccherà le navi da crociera cui invece è stato dato il via libera. Rappresenterebbero infatti un tassello vitale per l’economia turistica.

Leggi anche —> Decreto di agosto: le novità su cassa e licenziamenti

Coronavirus Conte piscina covid-19
Giuseppe Conte – Getty Images

Il quadro attuale non dovrebbe essere coinvolto, quindi, da grandi stravolgimenti. Eccezion fatta per gli stadi e le discoteche, gli Italiani continueranno a vivere la loro “normalità” in questa fase di convivenza con il virus.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.