Mezzi pubblici, le proposte delle Regioni per la ripartenza a settembre

Le Regioni chiedono di abolire il distanziamento e passare al pieno carico sui mezzi pubblici grazie a mascherine obbligatorie e pannelli divisori di plexiglas tra le sedute

fase-2-mezzi-pubblici-
Mezzi pubblici – Foto da https://www.instagram.com/p/B9oONoCINF6/

Le Regioni scendono in campo in vista dell’arrivo di settembre, un mese importante in cui gli alunni torneranno a scuola e moltissimi lavoratori al loro posto di lavoro. Si muoveranno 10 milioni in più di persone e si pensa soprattutto ai mezzi pubblici, come gestirli per dare a tutti la possibilità di utilizzarli.

La richiesta delle Regioni fatta ieri, in serata, al Governo è che tornino a pieno carico. Come? Attraverso l’uso obbligatorio delle mascherine, turnazioni in gruppi per la scuola e l’inserimento di pannelli divisori di plexiglas tra le sedute di bus extraurbani e treni regionali.

Questa la formula che dovrebbe essere testata a settembre per permettere a studenti, professori, professionisti e lavoratori dipendenti di rimettersi in moto con i servizi che funzionano al 100%. Base questa della richiesta fatta durante l’incontro con i ministri Boccia, De Micheli e Speranza.

Le Regioni hanno chiesto che il Comitato tecnico scientifico possa rivalutare l’obbligo del distanziamento di un metro a bordo dei mezzi pubblici, tenendo conto delle soluzioni messe in campo che permettono di proteggersi comunque dal contagio. In questo modo potrebbe così cadere anche il limite del 60% di passeggeri.

LEGGI ANCHE —> Anticorpi monoclonali: soluzione più rapida del vaccino

Mezzi pubblici, le prime risposte del Governo

Arcuri
donna con mascherina (Labussola.it)

Le risposte del governo sulle possibili nuove norme che regolano il trasporto pubblico arrivano subito. Il primo è Francesco Boccia, ministro per gli Affari regionali e le autonomie, che è ottimista e assicura che per settembre i mezzi pubblici torneranno a funzionare come nella “fase pre-Covid”. Questo sarà possibile solo se ci sarà un “coordinamento forte e una collaborazione massima” tra tutti “per evitare ordine sparso”.

I fondi ci sono e sono anche tanti: 700 milioni per il 2020 quelli messi a disposizione dal governo tutti destinati al trasporto pubblico. E lo conferma la ministra De Micheli che ribadisce che sono stati “rispettati gli impegni presi”.

Più cauto Speranza che ribadisce che è necessaria la “prudenza anche nel gestire la ripartenza a settembre”. Il ministro della Salute è consapevole che è necessario ora trovare un punto di incontro tra le richieste delle Regioni e le valutazioni del Comitato tecnico scientifico.

LEGGI ANCHE —> Covid, aumento positivi: cosa significa davvero? Le parole dell’esperto

Speranza covid-19
Il ministro della Salute Roberto Speranza (Getty Images)

Ecco perché si punta ad arrivare ad una soluzione “condivisa” tra governo, regioni e Comuni.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.