La Russia approva il vaccino Sputnik V ma ci sono problemi di sicurezza

Coronavirus, Putin: “Registrato Sputnik, primo vaccino contro Covid-19”. Ma l’Oms avverte: “Dovrà passare una rigorosa valutazione”

Putin vaccino Covid
Il Presidente Vladimir Putin (DimitroSevastopol- pixabay)

La Russia ha approvato un controverso vaccino Covid-19 per un uso diffuso dopo meno di due mesi di test sull’uomo. E’ inclusa una dose somministrata a una delle figlie di Vladimir Putin. Kirill Dmitriev, il capo del fondo sovrano RDIF del paese, ha detto che il vaccino sarebbe stato commercializzato all’estero con il marchio Sputnik V. Il tutto con accordi internazionali per produrre 500 milioni di dosi e richieste per 1 miliardo di dosi da 20 paesi. Il nome del vaccino evoca il primo satellite al mondo ad essere lanciato in orbita, Sputnik, durante la corsa allo spazio della guerra fredda, che è stata anche vista come una competizione per il prestigio internazionale. Lo sviluppo è stato salutato dal presidente Putin come prova dell’abilità scientifica della Russia, ma il regime di test troncato ha sollevato le sopracciglia altrove per aver saltato i test di sicurezza su larga scala di fase 3, che di solito richiedono mesi. Invece, le prove di fase 3 saranno condotte parallelamente alla produzione di massa del vaccino, anche in Brasile.

Leggi anche > Covid, previsioni per l’autunno

Russia, registrato vaccino ma primi problemi

(Photo by JEFF PACHOUD/AFP via Getty Images)

Mentre l’approvazione spiana la strada alle vaccinazioni in Russia, che è stata duramente colpita dalla pandemia di coronavirus. E’ improbabile che acceleri il ritmo degli sforzi per produrre un vaccino da utilizzare in occidente, dove i requisiti di licenza sono più rigorosi. La Russia ha registrato 897.599 casi di coronavirus, il quarto numero più alto al mondo e 15.131 decessi. La produzione di massa del vaccino sarebbe probabilmente iniziata presto, ha detto Putin. Ai medici e agli insegnanti sarebbe stata offerta l’immunizzazione per primi, con il vaccino reso disponibile per i medici da fine agosto o settembre. Il farmaco sarebbe entrato in uso generale a partire da gennaio 2021.

Leggi anche > Covid, durante chiusure calo di malati di morbillo

vaccino sperimentazione
Faraco Covid (pixabay)

La vaccinazione sarebbe volontaria, ha detto Putin. Tuttavia, alcuni lavoratori del settore pubblico hanno espresso scetticismo sulla sicurezza del vaccino e hanno sottolineato che il sistema sanitario russo era gravemente sottofinanziato e malandato.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.