Ricciardi (Oms) torna sulle scuole : “Tutto è possibile, vi spiego come”

Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute ha sottolineato nuovamente che nel nostro Paese è possibile fare le elezioni e le scuole possono essere riaperte

Walter Ricciardi
Walter Ricciardi (GettyImages)

Walter Ricciardi ha sottolineato nuovamente che in Italia possono farsi le elezioni e i ragazzi possono tornare a scuola. L’esperto ha detto poi che “non ci sarà un altro lockdown”. Per quanto riguarda le scuole è da valutare caso per caso: si potrebbe chiudere l’intero istituto o isolare solo la classe del possibile contagiato. Rispetto a marzo la situazione è molto diversa, i casi vengono intercettati molto prima, con un sistema di testing e tracciamento che porta a identificare soggetti che nella gran parte dei casi sono asintomatici”. L’unica cosa che non è mutata, a detta di Ricciardi, è la “pericolosità del virus”. È necessario “appiattire la curva epidemica”. 

LEGGI ANCHE -> Contagi in Sardegna, sbotta il governatore: “Vi dico come stanno le cose

Ricciardi: “Fino a maggio tutto bene poi c’è stato un libera tutti”

Walter Ricciardi
Il professor Walter Ricciardi durante la trasmissione Agorà (screenshot)

“Bravi fino a maggio, poi una sorta di libera tutti. Quando abbiamo riaperto, a maggio, ci siamo comportati bene. Il problema è successo dopo, quando c’è stato una sorta di liberi tutti”, ha aggiunto Walter Ricciardi. Perché sono di nuovo ricominciati i viaggi e le persone hanno fatto assembramenti. Inoltre ci si è scordati di mettere le mascherine. Sul fronte viaggi, sempre a detta di Ricciardi, ci sono Paesi che non lavorano bene a livello di fare sacrifici, Nazioni in cui “non fanno certi sacrifici“, come la Spagna, la Croazia e la Grecia.

LEGGI ANCHE -> Billionaire di Briatore, sei dipendenti positivi al Covid

Sintomi da Covid-19 Rt Mascherina rischi
Ragazza con mascherina (foto Pixabay)

Per i viaggiatori che arrivano “da alcuni Stati è prevista la quarantena. Per quanto riguarda i Paesi Ue, è la Commissione che dovrebbe intervenire. Paesi come Spagna e Francia pongono problemi costanti”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter