500mila posti di lavoro persi secondo l’Istat

Dal mese di febbraio sono andati in fumo 500mila posti di lavoro. Fortunatamente a luglio sono risaliti gli occupati (+85mila unità) e lo 0,8% è costituito da donne (si tratta di 80mila unità).

500mila posti di lavoro persi secondo l'Istat
Lavoro da remoto (foto Pixabay)

In base agli ultimi dati provvisori dell’Istat a luglio l’occupazione è tornata a salire. In particolare, sono aumentate le donne occupate (80mila unità) e i contratti stabili, cioè gli occupati permanenti con contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Sono invece in calo gli autonomi e i contratti a termine.

Sul fronte dell’età è la fascia dei 25-34enni a continuare a perdere occupati.
Il tasso di occupazione è risalito al 57,8%, cioè + 0,2 punti percentuali.

Potrebbe interessarti anche —> La scuola post Covid negli altri paesi europei

Il mercato del lavoro rimane in grave difficoltà

500mila posti di lavoro persi secondo l'Istat
Ufficio (foto Pixabay)

Da febbraio 2020 l’occupazione era scesa quasi di 500mila unità e le persone in cerca di lavoro erano cresciute di circa 50mila unità.
Gli inattivi invece erano aumentati fino a quasi 400mila persone.

A luglio invece sono aumentate le persone in cerca di lavoro (+5,8% pari a +134mila unità) e al contempo il tasso di disoccupazione è arrivato nuovamente vicino al 10%.

Tra i giovani si è registrato il 31,1% di disoccupati (+1,5 punti). Sono calati gli inattivi (-1,6% pari a -224mila unità).

Sebbene i dati segnino un miglioramento generale il mercato del lavoro rimane in crisi.

Se si confronta il trimestre maggio-luglio 2020 a quello precedente (febbraio-aprile 2020) si scopre che il livello di occupazione è inferiore dell’1,2%, cioè di 286mila unità.

500mila posti di lavoro persi secondo l'Istat
Foglio bianco (foto Pixabay)

Negativi soprattutto i dati relativi ai contratti a termine e agli autonomi.
Infatti, i dipendenti a termine sono calati del 16,2%, cioè 498mila.
Gli autonomi del 4,5%, pari a -239 mila.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.