Morte sorelle di Massa, ci sono due indagati: i dettagli

La procura di Massa continua ad indagare sulle cause della morte delle due sorelle e spuntano due indagati accusati di omicidio e lesioni colpose

Campeggio Verde Mare di Marina di Massa (foto dal web)
“Campeggio Verde Mare” di Marina di Massa (foto dal web)

Le ultime ore di maltempo incessante ha provocato in tutta la Penisola devastazione e tragedie umane, forse quello più cruento quello che ha portato via la vita a due sorelle in vacanza con i genitori in campeggio. La Procura di Massa e Carrara al momento ha aperto un’inchiesta sul crollo dell’albero che ha travolto la tenda nel “Campeggio Verde Mare” a Marina di Massa, nel quale sono morte il 30 agosto Malak Lassiri, 14 anni, e Jannet, 3 anni. L’area dell’incidente è stata posta sotto sequestro per svolgere tutte le indagini.

Leggi anche —> Bambina rimane agganciata ad un aquilone e prende il volo: tragedia sfiorata – Video

Secondo le prime ricostruzioni vagliate dalla Procura di Massa le cause sarebbero da ricercarsi nel forte vento e nella tromba d’aria che ha investito il camping, e le condizioni poco stabili della pianta. Si cerca di capire se dietro quello che è successo si cela l’errore umano o si tratta di una tragica fatalità.

I periti stanno cercare di capire le condizioni dell’albero di 4 metri caduto sopra la tenda della famiglia marocchina. Le indagini sono affidate al sostituto procuratore dottoressa Roberta Moramarco titolare dell’inchiesta.

Sviluppi nell’inchiesta, indagati i due soci del campeggio

Sorelline morte nel campeggio di Massa (foto dal web)
Sorelline morte nel campeggio di Massa (foto dal web)

Le indagini proseguono senza sosta da domenica e spuntano fuori due possibili indagati responsabili dell’incidente che è costato la vita alle due sorelle di Torino in vacanza al mare. Si tratta dei due soci del “Campeggio Verde Mare” indagati per omicidio e lesioni colpose. La Procura vuole accertare se il crollo dell’albero è stato provocato dal forte vento che si è abbattuto nella zona oppure se questa era già ammalata e quindi poco ancorata al terreno.

Leggi anche —> Nuova Zelanda, tragedia sul lavoro: giovane falegname italiano muore folgorato

E proprio oggi c’è stato un primo sopralluogo dell’agronomo incaricato dalla Procura di verificare le cause del cedimento della pianta. Per domani è in programma l’autopsia sulle due sorelle, anche se è giunta ieri la notizia dell’impossibilità di donare gli organi come aveva chiesto la famiglia a causa della gravi condizioni in cui sono giunte all’ospedale le due sorelle.

“Campeggio Verde Mare” (foto dal web)
“Campeggio Verde Mare” (foto dal web)

La famiglia attende anche il nullaosta dall’autorità giudiziaria per portare a casa le salme delle due figlie e rendere loro pace con un funerale privato.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.