‘Villa Inferno’, la ragazza racconta: “Filmata mentre facevo sesso”

La ragazza minorenne di 17 anni è andata dai carabinieri per spiegare cosa succedeva a ‘Villa Inferno’, la casa fuori Bologna dove accadevano i festini a base di droga e sesso 

Cocaina – foto dal web

Nella villa fuori Bologna di Davide Bacci (uno degli indagati) avvenivano episodi di prostituzione da parte di giovani donne che facevano sesso e in cambio ricevevano cocaina. L’indagine che ha portato i carabinieri a scoprire questa assurda vicenda è partita da una telefonata della madre di una delle ragazze, di soli 17 anni. La donna era preoccupata perché la figlia era tornata tardi a casa ma il giorno dopo è stata la stessa 17enne a recarsi dalle forze dell’ordine per raccontare cosa era successo. Ha spiegato che i rapporti sessuali non accadevano solo in quella che è stata ribattezzata Villa Inferno ma anche in hotel e in case private. Secondo la testimonianza dopo aver preso della cocaina, ha detto di “essersi prestata a fare giochi sessuali” con un’altra donna, per “il piacere visivo” di uno degli indagati che adesso ha obbligo di firma presso la polizia giudiziaria. “In quei tre giorni non ho mai avuto rapporti sessuali con lui”. 

LEGGI ANCHE -> Droga, orge e prostituzione minorile: coinvolta la Bologna bene

Il propietario di ‘Villa Inferno’ ha filmato i rapporti sessuali della minorenne

austria 64enne tragedia
Carabinieri (Getty Images)

La minorenne, nel mese di maggio, è stata interrogata di nuovo dai carabinieri di Bologna. Questa volta emerge che ha avuto un altro rapporto sessuale con una donna di 29 anni. Le sue parole portano a galla una verità ancora più agghiacciante: “Ad un certo punto, Bacci seguito da alcuni amici si è avvicinato alla stanza e ricordo ha cominciato a filmarci”. Inoltre, ha affermato anche che sempre a casa di Bacci durante la stessa serata: “l’ho seguito insieme ad altri in sauna e lì ricordo di aver avuto un rapporto sessuale con lui che non sono riuscita a negare anche perché ero in casa sua dove avevo assunto gratuitamente parecchia coca”.

LEGGI ANCHE -> Rissa selvaggia, pugni e prese per il collo tra due donne all’imbarco dell’aereo – VIDEO

Carabinieri (Getty Images)
Carabinieri (Getty Images)

La 17enne ha detto che in seguito ha “rallentato” i rapporti con l’indagato proprietario della Villa del bolognese perché lui aveva diffuso il video. Infine ha detto che l’unica somma di denaro che ha ricevuto a gennaio del 2020 le servivano per “fare le unghie delle mani”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter