Coronavirus, il bollettino del 4 settembre: oltre 1.700 nuovi casi di contagio

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, venerdì 4 settembre, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Covid-19 Mappa regione Italia
La mappa del contagio in Italia regione per regione al 4 settembre (Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha fornito i dati relativi all’epidemia da coronavirus nel nostro Paese. Stando ai dati odierni, i casi di contagio sono saliti 274.644, ossia 1.733 in più di ieri. Di questi, sono 30.099 i soggetti attualmente positivi (+1.184). Prosegue la crescita dei ricoveri in terapia intensiva: ad oggi sono 121 in totale ed 1 in più rispetto alla giornata di ieri. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza ammontano a 209.027 con un incremento di 537 da ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 11 decessi che portano il bilancio totale delle vittime nel nostro Paese a 35.518.

La Regione Calabria ha segnalato che dei 19 positivi di oggi 6 sono migranti, mentre la Sicilia che dei 78 casi positivi, 6 sono migranti (n.4 Pozzallo, n.2 Siracusa). L’Emilia Romagna ha eliminato un caso registrato nei giorni precedenti. Infine, la Regione Veneto ha comunicato che 50 casi sono riferiti ad un laboratorio che ha caricato i casi successivamente e che risalgono ai primi 15 giorni di agosto.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di giovedì 3 settembre

Coronavirus mappa
(Getty Images)

Nella tabella sanitaria, divulgata ieri dal Ministero della Salute, si leggeva che i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 272.912. Ancora in crescita i soggetti attualmente positivi 28.915 come anche i ricoveri in terapia intensiva120 in totale. Erano 208.490 le persone guarite. Salivano anche i decessi nel nostro Paese che giungevano a 35.507.

La Regione Calabria, si leggeva nelle note della tabella, segnalava che dei 13 positivi, 2 erano migranti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 3 settembre: salgono ancora i casi di contagio

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 2 settembre

Il Ministero della Salute nella giornata di martedì ha comunicato che i casi di contagio in Italia dall’inizio dell’emergenza erano 271.515. Di questi risultavano attualmente positivi 27.817 soggetti. Ancora in crescita i ricoveri in terapia intensiva109 in totale. Il numero delle persone guarite era salito a 208.944. Infine, il bilancio delle vittime in Italia era salito a 35.497.

La Regione Calabria, si leggeva nelle note, comunicava che dei 32 nuovi casi positivi rilevati, 27 erano migranti. La Sicilia, invece, riferiva che degli 83 nuovi casi positivi rilevati, 26 erano migranti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 2 settembre: 1.063 nuovi attualmente positivi

Covid-19, Remuzzi: “Basta isteria sui contagi, la fase epidemica è finita”

L’autunno sarà migliore di quel che molti pensano, ma a patto che ci sia buon senso utilizzando mascherine e rispettando il distanziamento. Bisogna rimettere nel cassetto ansia e isteria“. Queste le parole ottimistiche del professor Giuseppe Remuzzi che ha rilasciato un’intervista alla redazione de Il Corriere della Sera. Il direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri ha poi aggiunto che la fase epidemica nel nostro Paese sarebbe sostanzialmente terminata e parlare di una seconda ondata sarebbe improprio. Ormai, secondo l’esperto, si è entrati in una fase di sorveglianza che comprende la ricerca precisa dei contatti delle persone che risultano positive al virus.

In merito all’impennata dei casi di contagio, Remuzzi spiega che la circostanza è dovuta all’aumento dei tamponi effettuati: “Il numero dei positivi – riporta Il Corriere– non è una voce alla quale guardare con paura. Inoltre, i test che vengono fatti sono capaci di rilevare la presenza di frammenti di Dna virale, ma questo non significa che appartengano ancora ad un virus in grado di contagiare”.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, Remuzzi: “Basta isteria sui contagi, la fase epidemica è finita”

Covid-19, Berlusconi ricoverato al San Raffaele | Il motivo

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è stato trasferito ieri sera presso l’Ospedale San Raffaele di Milano. Il quadro delle condizioni cliniche del numero uno di Mediaset  non desterebbero particolari preoccupazioni. Questo quanto riferisce il suo staff tramite una comunicazione ufficiale.

La positività del Cavaliere era stata acclarata nei giorni scorsi. È possibile che Berlusconi abbia contratto il virus dopo aver trascorso dei giorni di vacanza in Sardegna dove ha anche incontrato il noto imprenditore Flavio Briatore.

Dopo aver scoperto di essere affetto da Covid il leader di Forza Italia sarebbe rimasto in isolamento ad Arcore.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Covid-19, Berlusconi ricoverato al San Raffaele | Il motivo

Covid, la follia corre in corsia: due pazienti positivi lasciano l’ospedale

Ieri a Napoli, nello specifico al Centro Covid dell’Ospedale Loreto Mare, due pazienti affetti da Covid-19 hanno lasciato il nosocomio indisturbati.

I soggetti in questione sarebbero due giovani recatisi ad effettuare il tampone perché affetti da sintomatologia compatibile a quella da coronavirus. Entrambi stati immediatamente raggiunti e riportati in Ospedale con il 118. Un fatto grave che avrebbe messo a repentaglio la pubblica incolumità.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, la follia corre in corsia: due pazienti positivi lasciano l’ospedale

In Francia chiuse 22 scuole e 100 classi a causa del Coronavirus

In Francia, il Governo, ha disposto la chiusura di alcune scuole dopo averne da poco annunciato l’apertura. Il motivo sarebbe da rintracciarsi nell’elevato numero di contagi registratisi in oltre 20 istituti scolastici.


Secondo il protocollo stabilito dal Governo, ove si registrino più di tre casi, infatti, la scuola è da assoggettare ad obbligo di chiusura.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> In Francia chiuse 22 scuole e 100 classi a causa del Coronavirus