Cibo contaminato allarme: immediato ritiro dai supermercati

Cibo contaminato allarme: immediato ritiro dai supermercati. Stiamo parlando di un prodotto che viene venduto in tutta Italia

ritira marca di dolciumi

Arriva l’ennesimo provvedimento di allarme cibo contaminato, direttamente dal Rasff. Una delle più recenti notifiche di richiamo emanate dal Sistema Rapido di Allerta Europeo per la Sicurezza di Alimenti e Mangimi riguarda delle aragoste norvegesi, che vengono prodotte in Francia e distribuite nel nostro Paese.

LEGGI ANCHE —> Coca cola, la bevanda letale. Quali sono i cinque cibi da evitare

Allarme cibo contaminato: ritiro immediato dal supermercato

AUSTRALIA
Supermercato- Foto dal web

I crostacei di cui stiamo parlando sono inquinati da un quantitativo in eccesso di sulfiti che non sono stati dichiarati. Si tratta di additivi che di solito vengono inseriti nel cibo per per conferire maggiore sapore e rendere l’aspetto il più presentabile possibile. Ma la legge impone una soglia massima di sulfiti oltre i quali non si può andare, pena l’emissione di provvedimenti di allarme su cibo contaminato. Analisi approfondite su un campione di un lotto di questa aragosta hanno fatto emergere un quantitativo di 54 mg per chilo di sulfiti. Contro un valore massimo di 50 mg per quanto riguarda i prodotti ittici come i crostacei.

LEGGI ANCHE —> Aceto di mele: tutti i benefici dopo 60 giorni di assunzione

contagio
Ritiro alimentare dal Ministero della Salute (Getty Images)

La presenza di sulfiti varia da alimento ad alimento: il rischio indicato dal RASFF in questo senso è indicato come serio. Dopo la scoperta di questa cosa irregolare, il prodotto è stato ritrovato dal commercio e non si trova più sugli scaffali dei supermercati dove di solito viene commercializzato. Per quanto riguarda il RASFF, si tratta di una delle tante notifiche che vengono emesse ogni giorno.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, curiosità, cronaca, televisione, spettacolo e tanto altro, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter