Vittorio Sgarbi contro Alessandro Gassman: “Si può essere così spudorati nel mentire?”

Vittorio Sbarbi su Facebook si scaglia contro l’attore e lo definisce un mentitore, il motivo? Predica bene da un lato e razzola male dall’altro

«L’Italia sui social si sta dimostrando simile al resto del mondo evoluto. Gli haters sono presenti nella società e non…

Pubblicato da Vittorio Sgarbi su Lunedì 7 settembre 2020

 

Vittorio Sgarbi torna alla carica con i suoi post su Facebook per dire quello che pensa, senza ma e senza filtri. Questa volta si scaglia contro l’attore Alessandro Gassman, “colpevole” a detta del critico d’arte di predicare bene al Festival del Cinema di Venezia e razzolare male poi sui social tanto che arriva a dire: “Si può essere così spudorati nel mentire?”.

A far scatenare l’ira di Sgarbi le parole che l’attore ha pronunciato a Venezia in merito all’odio che si sprigiona sui social. Il critico nel suo post riporta le parole detta da Gassman: “L’Italia sui social si sta dimostrando simile al resto del mondo evoluto. Gli haters sono presenti nella società e non vanno sottovalutati, perché chi insulta o minaccia le persone dietro un pc o un telefono scatena reazioni che in questo paese possono essere molto pericolose” e poi va giù con il suo affondo.

Tra i due la polemica era già iniziata alcuni giorni fa in merito all’ordinanza emessa da Sgarbi, sindaco di Sutri, sull’uso della mascherina in pubblico da indossare solo in caso di assembramenti e sulle multe per chi la indossasse senza necessità.

LEGGI ANCHE –> Lite tra Alessandro Gassman e Vittorio Sgarbi: botta e risposta sulle mascherine

Vittorio Sgarbi contro Alessandro Gassman, ecco cosa è successo su Twitter

Silvia Romano Sgarbi
Vittorio Sgarbi (Getty Images)

Ecco che così Sgarbi, che non ha affatto dimenticato quanto era successo qualche giorno fa su Twitter, riporta tutto per filo e per segno e gela le parole di Gassman a Venezia, definite non solo inappropriate ma addirittura prive di verità

Ironicamente le definisce “preziose”, pronunciate da colui che alcuni giorni fa “per manifestare il suo dissenso dalle mie posizioni, su Twitter (sul quale, da buon vigliacchetto, mi ha bloccato per non farmi interloquire) – ricorda il critico d’arte – ha invitato i sui “seguaci” a mandarmi a fare in culo”.

Ma Sgarbi non si ferma qui e nel suo post riporta tutto per filo e per segno: “Quando sei nel comune di Sutri governato da cosetto nervosetto e ti fanno la multa perché porti la mascherina fuori orario, a quale distanza devi stare per mandarlo a f….”.

LEGGI ANCHE –> Mascherina, l’ordinanza di Sgarbi a Sutri: “Multe per chi la indossa senza necessità”

mascherina Sgarbi
Vittorio Sgarbi (Getty Images)

E così l’affondo totale verso l’attore: “Quindi, ricapitolando, l’energumeno social che invita a mandarmi a fare in culo, è lo stesso che da Venezia invita a non odiare? – si chiede in modo retorico Sgarbi – Si può essere così spudorati nel mentire?”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.