Willy | i fratelli Bianchi e Pincarelli in carcere | domiciliari per Belleggia

Il gip ha disposto la scarcerazione di uno dei quattro indagati per l’omicidio del giovane Willy Monteiro, avvenuto a Colleferro a seguito di un brutale pestaggio.

Willy Monteiro Colleferro
Willy Monteiro ucciso a Colleferro Foto dal web

Nel novero di quanto accaduto a Willy Monteiro Duarte si registrano degli sviluppi importanti. Ascoltati nel corso dell’interrogatorio di garanzia svoltosi in carcere a Rebibbia dove sono attualmente detenuti, i due fratelli Bianchi, Gabriele e Marco, resteranno in stato di custodia cautelare in cella.

LEGGI ANCHE –> Parla l’amico di Willy: «Ero io il vero obiettivo»

È quanto disposto dal gip di Velletri, con tale provvedimento che riguarda anche gli uno dei due imputati, Mario Pincarelli. Mentre il quarto indagato, Francesco Belleggia, ha ottenuto gli arresti domiciliari. Tutti loro sono accusati di omicidio preterintenzionale per i fatti accaduti domenica notte a Colleferro, in provincia di Roma. Dove a seguito di una selvaggia aggressione è morto Willy, un giovane italiano di 21 anni originario di Capo Verde. I motivi di questo pestaggio quattro contro uno sono ancora tutti da chiarire. I fratelli Bianchi si sono discolpati e negano ogni addebito.

LEGGI ANCHE –> Ragazzo pestato a morte per sedare una rissa: fermati quattro giovani

Willy, la madre dei fratelli Bianchi: “Non sono stati loro”

Entrambi affermano di non avere sferrato il colpo fatale alla testa che ha ucciso Willy. E che quest’ultimo ha ricevuto mentre era a terra senza alcuna possibilità di difendersi. Inoltre tutti e due sostengono di essere intervenuti per interrompere una rissa già in corso. Ma Belleggia ed altri due testimoni affermano invece che proprio i fratelli, ed in particolare Gabriele, erano tra i più scatenati. Affermazioni riportate quest’oggi da vari organi di stampa.

LEGGI ANCHE –> Colleferro | Willy ucciso di botte | ‘Tanto era solo un extracomunitario’

Anche la madre dei fratelli e la fidanzata incinta di Gabriele hanno parlato in loro favore. Tutte e due si dicono sconcertate ed incredule e sostengono che i due giovani non avrebbero mai fatto del male ad un ragazzo indifeso. Le indagini vanno avanti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter