Coronavirus, il bollettino del 10 settembre: quasi 1.600 nuovi casi di contagio

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, giovedì 10 settembre, ha diffuso i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Covid-19 Mappa regione Italia
(Ministero della Salute)

Aggiornato lo stato dell’epidemia da Covid-19 diffusasi in Italia. Stando alla tabella sanitaria del Ministero della Salute, oggi i casi di contagio sono saliti a 283.180, con un incremento da ieri di 1.597 unità. Di questi, risultano essere attualmente positivi 35.708 (+974) soggetti. Salgono ancora anche i pazienti ricoverati nelle terapie intensive: 164 in totale, ossia 14 in più di ieri. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza nel nostro Paese sono ad oggi 211.885 in totale, cioè a dire 613 in più rispetto al bollettino precedente. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 10 decessi che portano il bilancio complessivo delle vittime a 35.587.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di mercoledì 9 settembre

Coronavirus
(Getty Images)

Nella giornata di ieri, i casi di contagio da Covid-19 erano saliti a 281.583. Di questi risultavano essere 34.734 i soggetti  attualmente positivi, mentre 150 i ricoveri in terapia intensiva. In crescita anche il numero delle persone guarite dall’inizio dell’emergenza: ieri 211.272 in totale. Continuava ad aggravarsi il bilancio dei decessi  salendo a 35.577.

La Regione Abruzzo, si leggeva sulla tabella del Ministero della Salute, aveva sottratto 3 casi, in quanto in carico ad altra Regione. L’Emilia Romagna aveva, invece, segnalato di aver eliminato un caso dei giorni passato, poichè non giudicato caso Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 9 settembre: 14 nuovi decessi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 8 settembre

Il Ministero della Salute nella giornata di ieri ha reso noto che i casi di contagio ammontavano a 280.153. Di questi erano 33.789 i soggetti attualmente positivi. Salivano ancora i ricoveri in terapia intensiva che risultavano essere 143. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 210.801. Si aggravava il bilancio dei decessi giunto a 35.563.

La Regione Abruzzo, come si leggeva nella tabella del Ministero, segnalava l’eliminazione di un caso dei giorni passati, in quanto già in carico ad altra Regione.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino dell’8 settembre: 1.370 nuovi casi di contagio

Covid-19, l’Iss: “Numero dei casi simile a febbraio, ma la fase è diversa”

Sebbene il numero di casi riportato giornalmente sia simile a quanto riportato alla fine di febbraio 2020, la fase epidemiologica è completamente diversa con casi diagnosticati quasi esclusivamente in sintomatici ed un Rt stimato ad oltre 2“. Questo quanto scritto dall’Istituto Superiore di Sanità su una Faq in merito al calcolo dell’indice Rt pubblicata sul proprio sito. Gli esperti hanno poi proseguito spiegando che, nonostante vi sia stato l’aumento dell’incidenza, la trasmissibilità dei casi non è infatti cresciuta molto, dato che sottolinea il lavoro svolto dai servizi territoriali, i quali, per il momento, sono riusciti a contenere la diffusione del Covid-19 sul nostro territorio. A febbraio, spiega l’Iss, i casi erano diagnosticati solo nei sintomatici e l’Rt era oltre i 2. L’Rt, proseguono gli esperti, evidenzia che, nonostante l’aumento continuo dei soggetti positivi da metà luglio, al netto dei casi asintomatici identificati e di quelli importati dall’estero, c’è stata una stabilizzazione e, solo recentemente, un lieve aumento della stabilità.

Nel documento si legge inoltre che la maggior parte dei casi viene identificato attraverso “screening di popolazione e ricerca dei contatti con identificazione dei focolai e rapida realizzazione di misure di isolamento e quarantena. 

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>Covid-19, l’Iss: “Numero dei casi simile a febbraio, ma la fase è diversa”

Bambino di 8 anni positivo al Covid-19: in quarantena 14 compagni di scuola e 2 maestre

Un bambino di 8 anni è risultato positivo al Covid-19 a Firenze. Il piccolo, dopo aver accusato alcuni sintomi riconducibili al virus nella giornata di domenica, è stato sottoposto al tampone che ha dato esito positivo. Immediatamente i genitori hanno avvertito la scuola frequentata dal figlio, la International School of Florence, nota anche come “scuola americana”. Per precauzione, come riporta la redazione de La Nazione, i 45 bambini che frequentano il secondo anno della scuola primaria e le due insegnanti già lunedì erano rimasti a casa.

All’esito del tampone, come spiegato dall’Asl (Azienda sanitaria locale) contattata da La Nazione, è scattata la quarantena per 14 bambini e due maestre e non per tutti gli studenti delle due classi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bambino di 8 anni positivo al Covid-19: in quarantena 14 compagni di scuola e 2 maestre

Covid 19, il ministero annuncia i tempi sull’uscita del vaccino

Questa fase di emergenza sanitaria potrà dirsi finita quando sarà disponibile un vaccino, fino ad allora bisognerà conviverci. Questo il messaggio che continuano a lanciare le autorità.

In questo momento però, il fatto che del progetto più promettente, quello della AstraZeneca, ne siano state bloccate le sperimentazioni lascia spazio a qualche timore.


Sul punto è intervenuto il vice ministro della Salute Pier Paolo Sileri  il quale ha affermato che il vaccino non uscirà prima della seconda metà del prossimo anno.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Covid 19, il ministero annuncia i tempi sull’uscita del vaccino