Coronavirus, la clamorosa ammissione di Trump: “Sapevo tutto”

Secondo alcune indiscrezioni il presidente Usa conosceva la pericolosità del coronavirus ma ha taciuto: “Non volevo creare panico”

Coronavirus
Trump con la mascherina (foto dal web)

Direttamente dagli Stati Uniti arriva una bomba mediatica e non solo che colpisce a fondo il presidente uscente Donald Trump e tutto il suo Paese. Sarebbe stato il tycoon in persona ad ammettere di conoscere la pericolosità del coronavirus e di aver taciuto per lungo tempo.

Una confessione, questa, contenuta nel nuovo libro del giornalista Bob Wooward che ha raccolto 18 interviste fatte al presidente Usa realizzate tra il 5 dicembre 2019 e il 21 luglio 2020

“Conoscevo bene la pericolosità del coronavirus, settimane prima che cominciasse a mietere vittime nel suo Paese, ma ha preferito sempre minimizzare per non creare panico”. E’ questa la clamorosa ammissione di Trump che trapela dal libro, ancora non uscito, trasmessa dalla Cnn e che arriva direttamente ai media di tutto il mondo.

Trump avrebbe ammesso di essere a conoscenza della prima morte confermata per coronavirus settimane prima che fossero diffuse le notizie ufficiali. Sapeva di quanto fosse potente e contagioso questo virus “più mortale persino delle peggiori influenze”. Nonostante questo in pubblico, alla sua nazione, ha sempre minimizzato.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: sperimentazione bloccata per il vaccino AstraZaneca

Coronavirus, le parole di Trump sulla minaccia

Fauci ottimista: "avremo un vaccino tra la fine del 2020 e l'inizio del 2021"
WASHINGTON, DC – JUNE 23: U.S. President Donald Trump speaks to reporters before boarding Marine One on the South Lawn of the White House on June 23, 2020 in Washington, DC. Trump is traveling to Arizona where he will tour border-wall-construction operations in Yuma, later speaking to a conservative advocacy group in Phoenix. (Photo by Drew Angerer/Getty Images

Trump conosceva bene la minaccia che stava arrivando nel suo Paese per via del coronavirus. “Questa è roba mortale”, avrebbe affermato a Woodward il 7 febbraio nel corso di una delle interviste citate nel libro.

Il capo della Casa Bianca nelle interviste registrate ha ammesso di essere a conoscenza in anticipo della pericolosità del virus ma di aver taciuto per non seminare il panico. “L’ultima cosa che volevo era creare il panico”, ha detto in una conferenza stampa.

E tutto questo trova riscontro in tutti i suoi interventi pubblici fatti dall’inizio della pandemia in cui ha sempre ammesso che il virus “sarebbe scomparso” e che “tutto andava bene”.

LEGGI ANCHE –> Ritorno a scuola, il messaggio di Conte in conferenza stampa

Trump idrossiclorichina
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (Getty Images)

Le ammissioni nelle interviste dunque vanno assolutamente controcorrente rispetto alle sue dichiarazioni pubbliche, ma la giustifica è sempre la stessa: “Volevo sempre minimizzare” ha detto più volte.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.