Torino, 30enne trovato morto tra l’indifferenza della gente

Tragico destino per Raffaele, il 30enne trovato morto presso la propria abitazione. La cosa più assurda è come si è giunti alla scoperta.

Trentenne trovato morto
Polizia Locale (foto dal web)

Si chiamava Raffaele, il ragazzo di 30 anni trovato morto presso la propria abitazione. A lanciare l’allarme sono stati i vicini del giovane. Il fatto è avvenuto nella periferia di Torino, precisamente a Corso Lecce nell’appartamento di Raffaele. Il ragazzo aveva pochi contatti con il mondo esterno e questo l’ha dimostrato la sua stessa morte, avvenuta nel silenzio e nell’indifferenza di tutti, anche dei familiari.

Leggi anche –> Covid 19, primo caso in una scuola italiana: la reazione nel liceo

Le prime ricostruzioni agghiaccianti su Raffaele, il 30enne trovato morto

Raffaele il 30enne trovato morto
Vigili del Fuoco che hanno fatto la tragica scoperta (foto dal web)

I vicini di casa hanno contattato le Forze dell’Ordine, si sono resi conto che vi fosse cattivo odore proveniente dall’appartamento accanto. In effetti quando i Vigili del Fuoco si sono recati nell’appartamento hanno fatto la terribile scoperta: Il giovane era morto da settimane e già era in stato avanzato di decomposizione. Dai primi accertamenti compiuti dal Medico Legale è emerso che Raffaele è morto d’infarto. Pesava 150 kg e questo gli provocava oltre ad evidenti problemi di salute, difficoltà nel movimento. L’uomo era morto da circa 20 giorni.

Leggi anche –> Palazzo Chigi smonta il caso Conte-Di Maio: “Nessuna tensione”

Raffaele il 30enne trovato morto
Corso Lecce, Torino (foto dal web)

Usciva pochissimo Raffaele, l’ultimo suo contatto col mondo esterno sarebbe avvenuto oltre un mese prima, precisamente i primi di Agosto quando il giovane era stato sottoposto al tampone per accertare l’eventuale contagio da Covid ma il tampone aveva dato esito negativo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, curiosità, cronaca, televisione, spettacolo e tanto altro, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter