Colle Salario: svaligiano case con un metodo originale

Allerta furti a Colle Salario. Segnano le case con una “M”, poi le svaligiano: nel mirino una banda di uomini e donne. 

Carabinieri (Getty Images)
Carabinieri (Getty Images)

Sorvegliano le case per individuare quelle “accessibili”. Poi le svaligiano. Sta succedendo a Colle Salario, dove una banda di ladri sta facendo piazza pulita degli appartamenti in via Camerata Picena.

I residenti fanne le ronde. Il Messaggero, infatti, scrive che la tecnica è ormai assodata, per questo i residenti si stanno organizzando per aumentare la sorveglianza. Ad essere presi di mira sono soprattutto gli appartamenti al primo e al secondo piano, perché più facili da raggiungere.

Leggi anche -> Coppia con tre figli e cane salpa in barca a vela alla volta dei Caraibi

Purtroppo le telecamere delle “torri” di via Picena non hanno le telecamere: la paura dei residenti è più che fondata. Per fortuna i carabinieri hanno individuato una banda dell’Est-Europa. Le donne segnano gli orari in cui i proprietari sono in casa, gli uomini, quando l’appartamento è vuoto, entrano in azione arrampicandosi sui balconi.

Le testimonianze dei derubati

colle salario
Colle salario (Foto dal web)

Sul Messaggero vengono riportate le testimonianze dei derubati.

«L’appartamento è quello di Mirko Ricci, 32enne operaio, che insieme a un gruppo di vicini di casa sta organizzando una ronda di quartiere: “Hanno suonato al campanello di casa – ha raccontato – mia moglie non ha risposto ma ha visto che era una donna con un carrello della spesa che chiamava “Maria”. Quando è andata via ha visto la lettera disegnata vicino al nostro campanello. Abbiamo subito capito di essere finiti nel mirino di questa banda. Ho avvertito i vicini di casa e ho cancellato quella lettera».

Leggi anche -> Ragazza annegata | il papà si tuffa ogni giorno nel lago per lei | VIDEO

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, curiosità, cronaca, casi, cronaca nera, televisione, spettacolo e tanto altro, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter