Jean Todt su Schumacher: “Ho visto Michael la scorsa settimana. Sta lottando”

Jean Todt, presidente della FIA, è andato a trovare il campione di Fomula 1 Michael Schumacher, infortunatosi gravemente nel 2013

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Getty Images)

È tempo di ricorrenze in casa Ferrari, la casa automobilistica celebrerà i mille Gran Premi in F1 proprio questo weekend con la gara di oggi del Mugello. In un giorno di festa come quello di oggi la memoria va al campione Michael Schumacher che si trova nella sua casa in Svizzera con la famiglia e non è più tornato in pista da quel maledetto giorno del 2013 quando ebbe un incidente sugli sci. Jean Todt, presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile e team principal della Ferrari, ha incontrato il campione tedesco così come ha raccontato all’agenzia di stampa PA: ”Ho visto Michael la scorsa settimana. Sta lottando. Mio Dio, sappiamo che ha avuto un terribile e sfortunato incidente sugli sci che gli ha causato molti problemi, ma ha una moglie fantastica accanto, ha i suoi figli, le sue infermiere e possiamo solo augurargli il meglio. Tutto quello che posso fare è stargli vicino finché sarò in grado di fare qualcosa. Ed è quello che farò”.

LEGGI ANCHE -> Calciomercato Juventus: spuntano nuovi nomi per l’attacco 

Jean Todt: “Lewis batterà tutti i record di Michael”

Mick Schumacher
Mick Schumacher (Getty Images)

Nella gara di sabato scorso di F2 il figlio di Schumacher, Mick, ha trionfato riportando sul podio e sulle bocche di tutti il cognome del papà campione. In F1 invece Pierre Gasly ha vinto a sorpresa il circuito visto che per come si stava evolvendo la gara, ci sarebbe aspettato di vedere Hamilton sul gradino più alto del podio. Così al pilota della Mercedes sarà impossibile eguagliare il record di Michael Schumacher.

LEGGI ANCHE -> Napoli, il braccio di ferro con Ramadani blocca il mercato

Michael Schumacher
Michael Schumacher (Getty Images)

A proposito di questo Jean Todt ha dichiarato: ”Lewis batterà tutti i record di Michael, semplicemente perché è un pilota di grande talento. È motivato e guida per la squadra migliore. Ha la macchina migliore, il motore migliore, quindi tutti gli ingredienti ci sono”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter