Reddito di cittadinanza | 30 boss lo ricevevano in carcere

Vengono alla luce diversi illeciti legati all’ottenimento indebito del reddito di cittadinanza. La Guardia di Finanza scopre 30 boss che lo avevano in carcere.

reddito di cittadinanza illeciti
Diversi illeciti sul reddito di cittadinanza scoperti dalla Guardia di Finanza di Foggia Foto dal web

La Guardia di Finanza di Foggia ha denunciato ben 30 persone a causa di irregolarità relative al reddito di cittadinanza. Tutti questi individui avevano inoltrato regolare domanda per percepire il sussidio da parte dello Stato che sulla carta dovrebbe aiutare ad indirizzare le persone a trovare un lavoro. In questo caso però si tentava di malviventi, tutti dietro alle sbarre per avere compiuto i più svariati reati.

LEGGI ANCHE –> La Finanza di Trento scopre maxi frode da oltre 14 mln di euro

C’è chi sta scontando le pene per associazione mafiosa, chi per rapina, chi per spaccio di droga. E non mancano anche elementi che stanno scontando una pena detentiva per tentato omicidio. Le forze dell’ordine hanno scoperto tutto e segnalato tutti i coinvolti all’Inps, che si è immediatamente prodigata per sospendere il reddito di cittadinanza a beneficio di questi personaggi di dubbia moralità. Il danno economico riscontrato per lo Stato ammonta a 200mila euro.

LEGGI ANCHE –> Camici Fontana | la Guardia di Finanza trova i 25mila pezzi incriminati

Reddito di cittadinanza, si indaga su chi può avere aiutato i malviventi

Per avere l’aiuto economico in questione è bastato non compilare le relative voci sul modulo nelle quali si chiede di riferire su quella che è la propria fedina penale. C’è chi ha omesso di essere stato arrestato e chi ha mentito. Di questi 30 denunciati poi, in tre risultavano già in carcere quando hanno compilato la domanda.

Alla luce di tutto ciò è molto probabile che ci siano dei soggetti compiacenti che possano avere agito in maniera infedele, aiutando i soggetti coinvolti. Si indaga per portare alla luce le eventuali connivenze  e punire i responsabili.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter