Carlo Cracco in crisi: l’amara decisione per uno dei suoi locali a Milano

Carlo Cracco in crisi: lo chef stellato non se la passa bene e lascia abbassata una delle sue serrande più in nel centro città

Carlo Cracco
Carlo Cracco (foto dal web)

La crisi colpisce tutti, anche gli chef stellati. È il caso di Carlo Cracco che al momento non naviga in buone acque. Periodo nero per l’ex giudice di MasterChef che con i suoi ristoranti milanesi non vive un momento facile.

La pandemia e il lockdown hanno colpito pesantemente l’economia mondiale e gli esiti più nefasti si iniziano a rendere più noti che mai. Molte sono le attività che in marzo hanno abbassato la serranda e non l’hanno più rialzata. Tra questi un duro colpo lo ha incassato la ristorazione che mal sopporta il crollo del turismo e la grande quantità di lavoratori che restano ancora a casa con lo smart working.

Anche i ristoranti stellati, molto noti nel capoluogo lombardo, non si sono mai rialzati. Questa decisione tocca da vicino anche Carlo Cracco e il suo Carlo e Camilla in Duomo che per il momento resta chiuso.

LEGGI ANCHE –> Gigi D’Alessio tradito da Anna Tatangelo? Le parole del cantante

Carlo Cracco in crisi, le parole dello chef

carlo cracco
Carlo Cracco (getty images)

Carlo Cracco ha deciso di non riaprire, per il momento, il suo ristorante Carlo e Camilla in Duomo. Nel mese di giugno aveva spiegato al Corriere della Sera la sua decisione sulla chiusura: “Il problema non è adesso, ma dopo. Stiamo ancora vivendo una sorta di paralisi ma prima o poi finirà la cassa integrazione e inizierà la crisi vera. Quella che ti costringe a dover avere le spalle larghissime per tenere il colpo”.

Dopo diversi mesi le cose non sono affatto cambiate. Nonostante l’estate e il riavvio di tutte le attività la serranda del locale in Duomo non si alza. La riapertura tarda ad arrivare e Cracco non si è espresso su cosa ne sarà del futuro di Carlo e Camilla.

LEGGI ANCHE –> Eros Ramazzotti, operazione chirurgica, cosa è successo e le novità

carlo cracco masterchef
carlo cracco ( getty images)

Di certo le sue parole rilasciate pochi giorni fa a La Repubblica non sono molto confortanti: “Il centro al momento è un vero disastro. Con gli uffici che tardano a riaprire e chissà quando lo faranno, per noi non c’è lavoro. La situazione è migliore per chi è attrezzato con spazi all’esterno diversamente da noi”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter