Giuliano Ferrara. Volto tumefatto su Twitter: “Colpa degli squadristi radicali”

Giuliano Ferrara pubblica sul suo profilo Twitter un post ironico ai danni dei radicali. Molti i commenti di risposta alla sua foto provocatoria

Un post pubblicato ieri sul profilo di Giuliano Ferrara lo ritrae con un occhio tumefatto, molto gonfio al punto di non poterlo neppure tenere aperto. Cosa è accaduto al giornalista e politico italiano?

A quanto pare nulla di serio, si tratterebbe di un’uveite o di un incidente domestico; lui ha utilizzato il fatto per pubblicare un messaggio ironico che recita così: “Come mi hanno ridotto Spadaccia, Cesaretti, Vitiello e Rocca per aver detto che tra finanziamento pubblico e vitalizi c’è un nesso sghembo. Squadristi radicali! Notare libreria dietro.”

Molti i commenti di risposta che sono giunti al suo indirizzo.

Leggi anche >>> BERLUSCONI: CARICA VIRALE IN DISCESA, LE CURE VANNO BENE

Giuliano Ferrara. Il perché degli attacchi ai Radicali

Giuliano Ferrara – foto dal web

Un utente replica: “Si è conciato maluccio il grande Ferrara. Ricordo che siamo stati figli compagni colleghi seguaci di Pannella. A lui va riconosciuto il merito di aver trasformato gli italiani da paesani a cittadini.”

Un altro ancora scrive: “Quella di Pannella è ancora oggi la soluzione migliore sul finanziamento pubblico ai partiti: dare, non soldi, ma mezzi e servizi per le informazioni dei progetti politici da proporre agli elettori, al Parlamento e al Governo.” Si legge inoltre: Povero Marco Pannella, chi sa come se la ride. Aveva rispetto per te Giuliano ma a volte spari di quelle c****te, in fondo credo che te ne rendi conto anche te. Come fai a non riconoscere il valore dei referendum Radicali sul finanziamento pubblico dei Partiti del 93 e come finì?”

Leggi anche -> Covid-19, le parole di Bassetti: ” Così non si va da nessuna parte”

Il Tweet fa riferimento ad un editoriale pubblicato dallo stesso Ferrara che porta la data 13 settembre, pubblicato su Il Foglio. Il giornalista attacca il partito Radicale definendo i suoi seguaci i veri populisti, ancor prima del Movimento 5 Stelle e della Lega.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.