Vigili urbani in quarantena, chiusa un’intera sezione | Ad una festa senza mascherine

A Napoli sono 150 i vigili in quarantena e 14 quelli risultati positivi al coronavirus. Il contagio durante una tavolata

 

Vigili urbani in quarantena
(foto dal web)

Vigli urbani in quarantena e un’intera sezione chiusa. Succede a Napoli per via di una festa alla quale tutti hanno partecipato con leggerezza. Sono 150 i vigili urbani della stessa unità operativa che devono rimanere a casa e 14 quelli risultati positivi al virus, almeno per ora.

Ecco che così è stata chiusa l’intera sezione San Lorenzo, la più grande della città partenopea che coordina una parte immensa della città: da Piazza Garibaldi ai Decumani. Il contagio è avvenuto durante una festa organizzata da un collega.

Una giornata in allegria e spensieratezza, senza mascherine e distanziamento. Lui, l’organizzatore della festa, è risultato positivo ma all’inizio le acque sono rimaste calme in quanto il vigile non andava da diversi giorni in ufficio. Nessuno ha sentito la necessità di provocare allarmismo. Poi le carte in tavola sono state scoperte.

LEGGI ANCHE –> Berlusconi, la rivelazione sul Covid | Per il Referendum: “Andare a votare”

Vigili in quarantena, in azione le procedure di emergenza

Vigili urbani in quarantena
(foto dal web)

Il piano di emergenza per la sezione dei vigili è partito quando due giorni dopo la festa è stato mandato il primo allarme per un contagio. Ecco che ai vigili di San Lorenzo viene offerta la possibilità di effettuare il tampone a scopo precauzionale. Solo in 17 accettano e 5 di loro sono positivi. In attesa dell’esito del tampone però gli agenti tornano a lavoro, incontrano colleghi e cittadini.

Subito dopo l’arrivo dell’esito positivo dei 5 tamponi sono scattate le procedure di emergenza. Tutta l’unità operativa è stata chiusa a scopo precauzionale ed è stato effettuato il tampone a tutto il personale.

Così da 5 i positivi sono arrivati a 14. Tutti sono asintomatici e si trovano a casa. Per i vigili negativi, invece, obbligo di rimanere a casa in quarantena per due settimane. Una scelta fatta per evitare qualsiasi altro sbaglio nel caso in cui la malattia sia rimasta ancora in nuge e non sia stata rilevata dal tampone.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino del 15 settembre: oltre 1.200 nuovi casi di contagio

Vigili Urbani in quarantena
(foto dal web)

Tutti gli agenti torneranno in servizio solo quando ci saranno le certezze sulla negatività assoluta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche su sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter