Sindacati Cgil, Cisl e Uil in piazza: le rivendicazioni

I sindacati Cgil, Cisl e Uil sono scesi oggi in piazza. Tra le richieste di Maurizio Landini, segretario della Cgil, c’è quella di dichiarare illegittimo l’accordo sui rider.

Sindacati Cgil, Cisl e Uil in piazza: le rivendicazioni
Maurizio Landini on February 9, 2019 in downtown Rome (Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Maurizio Landini, segretario della Cgil, ha duramente criticato l’accordo sui rider, definito “scempio antisindacale”, firmato da Ugl rider e Assodelivery.

Lo ha fatto a Napoli dal palco di piazza Dante durante la giornata di mobilitazione nazionale unitaria dei sindacati Cgil, Cisl e Uil.

Landini, come riporta Il Corriere della Sera, ha tuonato: “Quello è un accordo anti sindacale firmato da soggetti che non rappresentano nulla e fatto sulla pelle delle persone”.

Si tratta del “Contratto collettivo nazionale per la disciplina dell’attività di consegna di beni per conto altrui, svolta da lavoratori autonomi”, firmato da Ugl rider e Assodelivery che, tra le altre cose, prevede una paga di 10euro l’ora e la facoltà per la c.d. “Piattaforma” di recedere dal contratto liberamente in ogni momento comunicando tale recesso al Rider nel rispetto di un termine di almeno 30 giorni.

I rider, in sostanza, sono considerati a tutti gli effetti dei lavoratori autonomi e non dei lavoratori subordinati.

Ha aggiunto Landini: «Il governo deve intervenire per dichiarare illegittimo un accordo che si gioca sulla pelle delle persone e fatto da soggetti che devono dimostrare chi rappresentano e perché fanno questi accordi».

Nel primo pomeriggio il ministero del Lavoro ha poi convocato i sindacati Cgil, Cisl e Uil proprio al fine di affrontare il tema dei rider e, in particolare, dell’accordo firmato martedì da Assodelivery e Ugl.

Leggi anche —> Ferrero, il premio Nutella ai dipendenti: le cifre

Le altre rivendicazioni dei sindacati

Sindacati Cgil, Cisl e Uil in piazza: le rivendicazioni
Scatole per pizza (foto Pixabay)

Lo scopo delle manifestazioni di oggi, articolate a livello regionale, era però più ampio.
In particolare, tra i temi principali trattati, l’utilizzo dei fondi di Next generation Eu nonché la gestione delle oltre 150 crisi aziendali oggi in corso nel nostro paese.

Tra gli altri temi toccati: la scuola che è partita molto lentamente e il rinnovo dei contratti, argomento toccato sia da Landini sia da Bombardieri.

Potrebbe interessarti anche —> Smartworking: le regole in vigore dal 16 ottobre

Sindacati Cgil, Cisl e Uil in piazza: le rivendicazioni
Rider (foto Pixabay)

I tre sindacati hanno tutti manifestato un giudizio favorevole in merito al Mes, con a mente la finalità di investire nella sanità, nel welfare e nelle infrastrutture digitali.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.