Usa, bambina stuprata da tre fratelli: due sono stati arrestati, il terzo è ricercato

Tre fratelli di Kenner, in Louisiana (Usa), due dei quali sono stati arrestati, mentre un terzo è in fuga, sono accusati di aver stuprato una bambina di soli 10 anni.

nipotina Bambina violenza
(Counselling – Pixabay)

Accuse gravissime per tre fratelli, tutti 30enni, due dei quali sono stati arrestati dalla polizia, mentre il secondo è riuscito a fuggire. I tre, secondo gli inquirenti che stanno indagando sul caso, avrebbero stuprato una bambina di 10 anni che nel tentativo di scappare si era chiusa in camera da letto. La terribile vicenda si è consumata nella casa della vittima a Kenner, in Louisiana (Stati Uniti) mercoledì 9 settembre. La polizia americana tre giorni più tardi, dopo che la piccola aveva raccontato quanto accaduto ad un parente che ha denunciato i fatti, ha arrestato due dei fratelli, mentre il più giovane è ancora ricercato.

Leggi anche —> Usa, cade dalla giostra di un parco durante un controllo: muore ragazzo 21enne

Usa, bambina di 10 anni stuprata da tre fratelli: due sono stati arrestati, il terzo è ancora ricercato

Polizia Stati Uniti
(Getty Images)

Una bambina di soli 10 anni sarebbe stata stuprata in casa da tre fratelli. È accaduto mercoledì scorso, 9 settembre, a Kenner, in Louisiana, negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, anche sui social, dalla polizia locale, la piccola aveva rifiutato le avances sessuali dei tre che le avevano perfino offerto dei soldi. La vittima, per fuggire ai fratelli, si è chiusa in camera da letto, ma gli aggressori sarebbero riusciti ad aprire la porta con un coltello, per poi consumare la violenza sessuale.

A tre giorni di distanza, la piccola ha raccontato quanto accaduto ad un parente che ha poi denunciato lo stupro. Il giorno stesso, sabato 12 settembre, la polizia di Kenner ha arrestato due dei tre presunti aggressori: Raul e Wilmer Paz Perez di 35 anni che sono stati trasferiti in carcere con l’accusa di stupro, aggravata dalla minore età della presunta vittima, inferiore ai 13 anni. Il terzo fratello, Elder Paz Perez è riuscito a scampare all’arresto e sarebbe tuttora ricercato dagli investigatori con le stesse accuse.

Leggi anche —> Usa, ragazzo muore a causa di un’ameba mangia cervello: il racconto dei genitori

Leggi anche —> Cane di famiglia sbrana e uccide un neonato di 12 giorni, i genitori accusati

View this post on Instagram

‼️🚨UPDATE 🚨‼️ We are providing two additional photos of the suspect Elder Paz-Perez wanted for First Degree Rape KENNER – On September 12, 2020, Raul Paz-Perez, 35, Kenner, and Wilmer Paz-Perez, 35, Kenner, were arrested for First Degree Rape involving a juvenile under the age of thirteen. Both are brothers and a third sibling, Elder Paz-Perez, 31, Kenner, is wanted for First Degree Rape. The rape occurred on September 9, 2020, at an address in Kenner, in which the victim resided in the same household as the suspects. The victim first disclosed the rape to a relative on Saturday September 12, 2020, who then reported the incident to the police. All three men were home alone with the victim when they made sexual advances toward the child in which they offered money for sex. The child locked herself in a bedroom. The lock on the bedroom door was defeated by one of the three suspects. After defeating the lock, the three entered the room, undressed the victim, held her down and sexually assaulted her. Raul and Wilmer were arrested Saturday, the same day as the disclosure. Elder Paz-Perez eluded police and is now wanted for L.R.S. 14:42 First Degree Rape. ICE detainers have also been placed on both Raul and Wilmer Paz-Perez. Anyone having any information on the whereabouts Elder Paz-Perez are asked to contact the Kenner Police at (504) 712-2222 or Crimestoppers at (504) 822-1111. #wanted #police #policedepartment #kennerla #jeffersonparish #louisiana #neworleans

A post shared by Kenner Police Department (@kennerpolice) on

Il dipartimento della polizia di Kenner, impegnato nelle ricerche, ha lanciato un appello affinché chiunque abbia informazioni in merito al sospettato si faccia avanti contattando gli inquirenti.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.