Adescava minorenni in un parco: arrestato 40enne nel bresciano

Adescava minorenni in un parco. Un uomo insospettabile è stato arrestato nel bresciano. Le accuse nei suoi confronti sono gravissime

Adescava minorenni
Uomo parco – getty images

Dovrà rispondere alle pesanti accuse di violenza sessuale e detenzione ai fini di spaccio un uomo arrestato dai carabinieri di Dello e Verolanuova.

Il cittadino di 40 anni avrebbe adescato ragazzini di un’età compresa tra i 15 e i 17 anni, offrendo loro quache grammo hashish e di marijuana da fumare in cambio di favori sessuali. L’uomo era solito avvicinare minori in difficoltà economiche promettendo loro anche vestiti e scarpe di marca che, evidentemente, non potevano permettersi.

L’indagato non ha precedenti e gode di un’occupazione lavorativa regolare. Non ci sono stati rapporti sessuali completi ma, secondo le forze dell’ordine, i ragazzini venivano ripetutamente toccati nelle loro parti intime.

Leggi anche >>> MILANO, ARRIVA LO SCONTO PER LO STUPRATORE: LA SPIEGAZIONE DEI GIUDICI

Adescava minorenni in un parco, i racconti delle vittime

carabinieri
Carabinieri (Foto dal Web)

Gli adescamenti avvenivano nel parco pubblico di Brandico, nel Bresciano. I ragazzini coinvolti nella vicenda sarebbero 4 (tre di loro di origine straniera). Le indagini hanno fatto risalire l’inizio dei fatti a tre anni fa. Sono stati i racconti dei giovani agli psicologi e ai carabinieri che hanno consentito l’individuazione e l’arresto del molestatore.

La confessione, però, non è avvenuta spontaneamente. Nel giugno dell’anno scorso alcuni cittadini che frequentano con regolarità il parco di Brandico si sono insospettiti per aver visto il 40enne sempre in compagnia dei ragazzini e hanno sporto denuncia presso lo sportello di ascolto del Comune.

Leggi anche > Inghilterra, macabro ritrovamento

Adescava minorenni
Parco – foto dal web

Solo in una seconda fase le forze dell’ordine hanno raggiunto i minori convincendoli a raccontare la triste vicenda che li ha visti protagonisti. Non si esclude che le vittime possano essere in numero maggiore.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.