Cremona, aereo per paracadutisti prende fuoco e precipita: due morti

Un aereo è precipitato al suolo dopo aver preso fuoco nella mattinata di oggi a Livrasco, frazione di Castelverde (Cremona): due le vittime.

carrozzina elettrica coppia anziani
Vigili del Fuoco e Ambulanza (foto dal web)

Tragedia nella mattinata di oggi a Livrasco, frazione del comune di Castelverde, in provincia di Cremona. Un aereo utilizzato per il lancio di paracadutisti ha preso fuoco ed è precipitato schiantandosi al suolo. A bordo del velivolo, oltre al pilota, si trovava un paracadutista che si sarebbe dovuto lanciare. Purtroppo entrambi hanno perso la vita. Sul velivolo si trovavano altri cinque paracadutisti che si erano già tutti lanciati prima che il mezzo prendesse fuoco. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i sanitari del 118, i carabinieri e l’ispettore inviato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv).

Leggi anche —> Torino, tragico incidente in scooter: muore ragazzo di 30 anni

Cremona, aereo per paracadutisti prende fuoco in volo e precipita: due morti

Pilatus PC-6
Un Pilatus PC-6 (foto dal web)

Due persone sono decedute stamane, domenica 20 settembre, dopo che un aereo ha preso fuoco ed è precipitato a Livrasco, frazione di Castelverde, in provincia di Cremona. Secondo una prima ricostruzione, riportata dalla redazione de L’Adige, il velivolo, un Pilatus PC-6 decollato dall’Aero Club del Migliaro con a bordo alcuni paracadutisti ed il pilota, avrebbe preso fuoco e poi sarebbe caduto schiantandosi al suolo. A perdere la vita, il pilota, Stefano Grisenti 54enne di San Secondo Parmense (Parma), e Alessandro Tovazzi, paracadutista, di 41 anni di Arco. Gli altri paracadutisti, invece, si erano già lanciati prima della tragedia.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno domato le fiamme, ed i sanitari del 118 che non hanno potuto far nulla per le due vittime, di cui è stato possibile solo constatarne il decesso. I due corpi sono stati ritrovati uno all’interno della carcassa del velivolo, mentre l’altro a distanza di circa un chilometro.

Sul luogo dell’impatto sono arrivati anche i carabinieri e l’ispettore inviato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv). I militari dell’arma hanno provveduto ai rilievi ed all’identificazione delle due vittime, arrivata dopo qualche ora.

Leggi anche —> Insegnante ritrovata morta in casa: indagano i carabinieri

austria 64enne tragedia
Carabinieri (Getty Images)

Stando ai primi accertamenti, come riporta L’Adige, l’incendio potrebbe essere stato provocato dal distaccamento di un’ala a seguito dell’impatto tra il paracadutista 41enne, ritrovato con indosso la tuta alare, e il velivolo. Dinamica ancora da chiarire da parte degli inquirenti che hanno avviato le indagini.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.