Sposo si presenta ubriaco e scortato al matrimonio

Una storia bizzarra ha come protagonista uno sposo che si presenta ubriaco al suo matrimonio. La sposa e gli invitati rimangono senza parole

Foto dal web

Una storia incredibile ha come protagonista uno sposo  in Germania, a Brema. Lo sposo  si presenta ubriaco al suo matrimonio. La sposa e gli invitati rimangono senza parole. La polizia lo ha fermato mentre si recava in chiesa ed era ubriaco. Lo sposo aveva alzato troppo il gomito durante la festa di addio al celibato.  Una serata, prima del matrimonio, come vuole la tradizione, alla quale non ha resistito. Il nodo è che si è svegliato tardi ed anche malconcio.  Atteso da tutti gli invitati e dalla futura moglie, l’uomo si era messo alla guida dell’auto e aveva iniziato a correre essendo in notevole ritardo.

Leggi anche > Se mostri il seno bevi gratis…

Sposo ubriaco e scortato

matrimonio
foto dal web

Quando gli agenti della polizia lo hanno fermato per la velocità elevata e si sono accorti che era in stato confusionale erano pronti a mandarlo al commissariato. Tuttavia, quando gli agenti hanno capito che stava per sposarsi, lo sposo è stato liberato ma con una incredibile particolarità. Gli agenti lo hanno scortato in chiesa. La sposa, in sostanza, si è vista arrivare lo sposo in ritardo, accompagnato dagli agenti di polizia che hanno involontariamente partecipato alla festa. I due si sono anche congratulati con gli sposi.

Leggi anche > Giornalismo in lutto

nozze
Matrimonio (foto dal web)

Un comunicato della Polizia dichiarava: “La pattuglia della polizia ha anche offerto alla coppia di sposi le sue più calorose congratulazioni“. Tuttavia, gli agenti non hanno potuto fare a meno di applicare le norme alla fine della cerimonia. Hanno ritirato la patente per un anno allo sposo un po’ bizzarro.

M.P.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.