L’atto notarile per l’acquisto della prima casa, il costo

L’acquisto della prima casa può essere meno oneroso di quanto si tema. Tuttavia, la voce di spesa degli oneri notarili sembra sempre preoccupare più di altre. E’ un timore giustificato?

L'atto notarile per l'acquisto della prima casa, il costo
Living-room (foto Pixabay)

Dal punto di vista degli oneri notarili è necessario svolgere alcune precisazioni.

In primis, le tariffe notarili sono state abrogate con il Decreto legislativo n. 265/2012 e, pertanto, ogni professionista può stabilire liberamente l’onorario che ritiene di applicare ai propri clienti.

Se è vero che i notai, in quanto liberi professionisti, possono decidere di offrire le proprie prestazioni al prezzo che preferiscono, è anche vero che tendenzialmente gli studi più prestigiosi possono richiedere onorari più elevati.

Inoltre, è necessario tenere a mente che le spese da sostenere per l’acquisto di un immobile variano in base al valore dello stesso.

Leggi anche —> Bonus prima casa: prorogati i termini per le agevolazioni fiscali

La compravendita della prima casa: l’onorario del notaio e gli altri costi

L'atto notarile per l'acquisto della prima casa, il costo
Timbro (foto Pixabay)

Tra i costi che si affrontano con l’acquisto della prima casa ci sono quelli dovuti alle imposte che si è tenuti a versare per il trasferimento della proprietà.
Tuttavia, spesso si ritiene che il costo dell’atto sia totalmente imputabile al professionista anche se non è così.

In ogni caso, il cliente che richieda un preventivo di massima sui costi della pratica potrà conoscere in anticipo il totale dovuto per l’atto.

Inoltre, i clienti che nutrano dubbi sulle parcelle emesse dai notai, qualora non abbiano ricevuto spiegazioni esaustive dagli stessi, potranno rivolgersi al Consiglio Notarile Distrettuale competente per territorio.

In caso di contenzioso per mancata determinazione tra notaio e cliente del compenso, esso è determinato dal giudice in base ai parametri fissati dal Regolamento del Ministro della Giustizia 20 luglio 2012, n. 140, ai sensi dell’art. 9 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito in legge 24 marzo 2012, n. 27, indicati nella tabella allegata al decreto.

Potrebbe interessarti anche —> Superbonus al 110%: rientrano anche i fabbricati non abitabili

L'atto notarile per l'acquisto della prima casa, il costo
Piantina di monete (foto Pixabay)

Infatti, i minimi tariffari sono stati abrogati e la Corte di Cassazione ha escluso la vigenza dei minimi tariffari per i notai (Cass. sent. n. 3715/2013 del 04.03.2013).

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.