Facebook chiuderà in Europa. La minaccia del colosso di Mark Zuckerberg

Facebook. Si propone l’ipotesi di chiudere il colosso dei social network insieme al “fratello minore” Instagram a causa di violazioni della privacy e trasferimento dati

Facebook
(Getty Images)

Facebook e Instagram potrebbero chiudere in Europa se la Commissione irlandese per la protezione dei dati instituirà un divieto di trasferimento dei dati stessi verso gli Stati Uniti.

La procedura segue quanto stabilito nel luglio scorso da parte della Corte di giustizia europea, che riteneva che non ci fossero abbastanza garanzie nell’accordo Privacy Shield contro lo spionaggio da parte delle agenzie di intelligence statunitensi riguardo le informazioni private dei cittadini europei.

Il colosso dei social network di Mark Zuckerberg contesta  l’ordine preliminare. Nel caso in cui l’ authority irlandese confermasse la decisione che vieta il trasferimento dati, veranno sospesi i servizi di Facebook e Instagram nell’Unione Europea. Si capisce bene come l’impatto potrebbe essere devastante poiché molti operatori europei, comprese le pubbliche amministrazioni, adoperano ormai questi nuovi strumenti di comunicazione e lavoro.

LEGGI ANCHE —> Facebook. Perché Leonardo Di Caprio e altre star di Hollywood lo boicottano

Facebook. La minaccia del colosso dei social

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg (Getty Images)

Yvonne Cunnane, legale di Facebook in Irlanda ha dichiarato: “Nel caso in cui Facebook fosse obbligata alla sospensione completa del trasferimento dei dati degli utenti negli Stati Uniti, non è chiaro come, in tali circostanze, potrebbe continuare a fornire i servizi di Facebook e Instagram nell’Ue.” Ha inoltre riportato dati che attestano che in Europa sono attivi su queste piattaforme 410 milioni di utenti mensilmente.

Leggi anche —> Ecobonus, la lista dei veicoli diesel acquistabili con l’incentivo del Governo

Instagram
Instagram – Unsplash

Un portavoce di Facebook sottolinea che non si tratta di una minaccia ma semplicemente di un dato di fatto. “Molte aziende, organizzazioni e imprese, fanno affidamento sui trasferimenti di dati tra l’Ue e gli Stati Uniti per operare i loro servizi” – ha detto. Continua sostenendo che, proprio in questo periodo storico di ripresa necessaria durante il Covid19, il trasferimento di dati in maniera sicura e legale, è una garanzia per l’economia e la crescita delle imprese.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.