“Sono la reincarnazione del Messia”, arrestato leader di una setta religiosa

In Siberia arrestato il santone a capo di un movimento che lo vedeva come il nuovo Messia in terra: è accusato di estorsione e violenze psicologiche

Sergei Torop in carcere (foto dal web)
Sergei Torop in carcere (foto dal web)

SIBERIA – Sergei Torop, ex agente della polizia stradale russa di 59 anni, ha fondato un’organizzazione religiosa e sostiene di essere la reincarnazione di Gesù Cristo: i suoi seguaci contano gli anni a partire dal 1961, ovvero quando è nato. Il giorno di Natale è invece quello del suo compleanno, il 14 gennaio.

LEGGI ANCHE -> La nuova provocazione dello chef Cracco per i suoi clienti

L’uomo si faceva chiamare Vissarion, si è fatto crescere barba e capelli e andava in giro a predicare indossando una lunga tunica bianca e sandali ai piedi. Nel 2002 Vissarion parlò così di sé al Guardian. “Non sono Dio. Confondere Dio e Gesù è sbagliato. Sono la parola vivente di Dio padre. Tutto ciò che Dio vuole dire, lo dice attraverso di me”.

Torop predicava il veganesimo e vietava lo scambio di denaro

Qualche giorno fa è stato arrestato dagli agenti del servizio di sicurezza federale dell’FSB e altre forze di polizia: Sergei Torop, ha spiegato agli agenti che ha perso il lavoro come addetto al traffico nel 1989 e di aver vissuto un risveglio spirituale dopo il crollo del regime sovietico. Nel 1991 ha fondato un movimento oggi noto come “Chiesa dell’ultimo Testamento”.

Insieme a Vissarion, portato via in elicottero, sono stati arrestati due suoi collaboratori: si tratta di Vadim Redkin, ex batterista di una boyband noto come il braccio destro di Vissarion, e l’aiutante Vladimir Vedernikov.

LEGGI ANCHE –> Covid-19 Italia, muore giovane di 33 anni al pronto soccorso

Sergei Torop in carcere (foto dal web)
Sergei Torop in carcere (foto dal web)

Tra i convertiti al culto ci sono professionisti provenienti da tutta la Russia e pellegrini ignari dall’estero. Il suo movimento si basava sul veganesimo e vietava lo scambio di denaro. Gli adepti vivevano soprattutto nella regione siberiana di Krasnoyarsk, in villaggi spartani e privi di qualsiasi forma di lusso e comodità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter