Fabio Fazio bistrattato dalla Rai: “Vi dico chi comanda”

Fabio Fazio è tornato in onda con Che tempo che fa e lancia la bomba per l’ennesimo trasloco operato dalla Rai: “Vi dico chi comanda”.

fabio fazio
Foto Instagram da https://www.instagram.com/fab.fazio/

Fabio Fazio è tornato in onda con Che tempo che fa. Il programma, giunto alla 18esima edizione, nato su Raitre, dopo il trasloco su Raiuno e successivamente su Raidue, è tornato nuovamente su Raitre. Una decisione, quella della Rai, che non ha entusiasmato Fabio Fazio che, in un’intervista rilasciata ai microfoni de La Stampa, ha svelato il proprio malumore per la decisione della Rai di cambiare nuovamente la rete ad uno dei suoi programmi storici che, ogni anno, appassiona il pubblico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE—>Jasmine Carrisi incantevole spiazza tutti: mai vista così, stupenda – FOTO

Fabio Fazio e l’ennesimo trasloco di Che tempo che fa: “Colpa della politica”

attends ‘Che Tempo Che Fa’ tv show at Rai Milan Studios on March 4, 2018 in Milan, Italy.

“Il mio è l’unico programma della storia che ha fatto Raitre, Raiuno, Raidue e ora di nuovo Raitre, un ritorno a casa. La Rai ha altre tredici reti, quindi c’è ancora spazio per il gioco dell’oca. Per essere gentili, diciamo che è un fatto inusuale”. Fabio Fazio ha rilasciato tali dichiarazioni ai microfoni de La Stampa in merito al trasloco di Che tempo che fa su Raitre.

La colpa del ritorno su Raitre della sua trasmissione non sarebbe degli ascolti. “Su Raiuno facevamo quasi 4 milioni di media, a Raidue è stato il programma più visto della rete.v“Non credo siano state le scelte editoriali a determinare il valzer nelle reti ma la politica, quando vieni attaccato centinaia di volte da importantissimi esponenti del governo qualche domanda te la fai”, ha aggiunto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE—>Nicoletta Mantovani, gela Barbara D’Urso su Luciano Pavorotti: “Non è il mio ex”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabio Fazio (@fab.fazio) in data:

Infine, ha aggiunto: “Quando uno è noto, magari popolare, diventa un bersaglio comodo. Sono stato trattato come avversario politico e per fortuna, non avendo una mia parte politica, non sono stato difeso da nessuno. La prendo come un segno di grande indipendenza e libertà”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter