Marco Vannini, la Bruzzone svela cosa c’è dietro l’omicidio

Vannini, parla la criminologa forense Roberta Bruzzone su Il Giornale.it. in attesa della sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Roma

Marco Vannini
Marco Vannini (foto dal web)

Il 30 settembre sarà una data importante per la famiglia Vannini, sarà emessa la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Roma. Un altro tassello da aggiungere alla tragedia che ha colpito Marco e i suoi genitori, quel lontano 5 maggio 2015. 110 minuti di attesa hanno spezzato la vita del giovane ventenne, un proiettile dritto al cuore da chi lo riteneva uno di famiglia. Chi gli ha sparato avrebbe potuto salvargli la vita chiamando immediatamente i soccorsi. A stabilirlo la sentenza della Corte di Cassazione che ha ribaltato il grado di appello accogliendo i ricorsi della procura generale e delle parti civili, secondo i quali la morte di Marco fu omicidio volontario con dolo eventuale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Marco Vannini, il padre Valerio a Yeslife: “Sereni e fiduciosi dopo la richiesta del Pg”

Caso Vannini, le parole della criminologa Bruzzone