Raffreddore frequente, la causa è la mancanza di un minerale: lo studio

Se soffri troppo spesso di raffreddore, potresti avere carenze di un minerale che si assume da alcuni alimenti. 

raffreddore – foto dal web

In questo momento storico il mondo e i suoi abitanti sono terrorizzati dal nuovo coronavirus: i casi positivi al Covid-19 e i decessi collegati continuano ad aumentare giorno dopo giorno. Nonostante l’arrivo del nuovo virus, non bisogna dimenticare i vecchi e ‘soliti’ malanni di stagione. Con l’arrivo dei primi freddi e delle piogge, molte persone hanno già iniziato a fare i conti con raffreddore, tosse, mal di testa e febbre. In molti, tuttavia, devono affrontare il raffreddore in ben più di un’occasione. Secondo alcuni studi, chi soffre troppo spesso di raffreddore potrebbe avere una mancanza di un minerale: lo zinco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Covid-19, il bollettino del 28 settembre: i numeri dell’epidemia 

Raffreddore frequente, i motivi

Vaccino Antinfluenzale
Vaccino (foto dal web)

I raffreddori comuni sono molto fastidiosi: mal di testa, naso che cola e starnuti sono sempre difficili da affrontare. Se soffri troppo spesso di questo malanno, potrebbe mancarti lo zinco. L’oligoelemento non viene prodotto dal nostro corpo ma viene assunto mediante alcuni alimenti. Lo zinco serve per rafforzare il sistema immunitario, aiuta le cellule a riprodursi e costituisce un importante barriera contro i virus. Per assumerlo bisogna mangiare alimenti come riso integrale, legumi, pane integrale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Come sarà l’influenza stagionale in tempi di Covid-19 

influenza

Secondo gli esperti in alimentazione, la dose corretta da assumere è di 25 mg. Lo zinco è molto utile ed importante anche per coloro che fanno sport e attività all’aria aperta. In questo particolare momento, sarà importante distinguere l’influenza stagionale dal temutissimo Covid-19.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter