Ve le ricordate le 1.000 Lire di ieri? Oggi possono valere un patrimonio!

Banconote e mille lire di una volta dominavano la scena del conio nazionale. Ora, se rivalutate possono valere una fortuna immensa

Lire
Le Lire, monete del vecchio conio (foto dal web)

Se mettiamo in piedi un sondaggio di pura nostalgia, tra monete e banconote ufficiali e quelle del vecchio conio, la bilancia penderebbe dalla parte della Lira.

I motivi per cui oggigiorno si rimpiange ancora l’antica moneta è soprattutto una questione di valutazione, quasi raddoppiata del suo valore economico. Quando nel 2002 c’è stato il cambio generazionale di valuta, 1 solo Euro valeva 1.936,27 Lire.

Per la serie acquisti un giornale, paghi due! Sì, perchè le famose 1.000 Lire che i nostri genitori, al mattino ci ponevano nello zainetto, prima di andare a scuola ci permettevano di acquistare anche la merenda insieme al quotidiano.

Questa mentalità, per i più nostalgici è rimasta intatta e il rimpianto di monete e banconote del vecchio conio, non può che essere inevitabile. Dopo quasi vent’anni dalla coniazione della nuova moneta, la Lira inizia ad assumere i contornanti di un bene “leggendario”.

Sarebbe una vera e propria rivincita, dalla sua completa svalutazione economica.

LEGGI ANCHE —–> Zodiaco, quali sono i segni più intelligenti? Scopriamoli

Quanto valgono le vecchie Lire tra moneta e banconota?

Lira moneta
La Lira, il vecchio conio

Chi ha posseduto, quel tempo, un pizzico di furbizia nel conservare le Lire, in monete e banconote in un cassetto, oggi può ritenersi fortunato!

Le antiche 1.000 Lire rappresentavano il nostro “pane quotidiano”, fino al 2002, quando fece la sua comparsa l'”Euro”. A distanza di tempo dalla nuova coniazione, la Lira è diventata un bene di proprietà, che se posseduto ci fa sfregare le mani.

Tutto dipende dal periodo temporale della coniazione e dallo stato di forma della moneta o banconota. Il ricordo chiaro delle banconote di carta da 1.00 Lire coprono quello sbiadito delle monete. Queste ultime, oggi, se rispettano i parametri di quanto detto possono valere anche più di 200 Euro!

A queste ultime vanno aggiunte le monete in Lire d’argento “speciali”, messe in circolo per la commemorazione dei 100 anni dalla nascita di Roma, con una particolare tiratura, il cui valore si aggira sui 20 Euro.

Dalle monete alle banconote il passo è brevilineo. Chi ricorda le “carte” in denaro con i volti di Marco Polo o Maria Montessori raffigurati? Ebbene, anche quelle oggi hanno un proprio valore, ma tutto dipende sempre dalla data di emissione e della firma.

Il primo, tra i due dati è importantissimo in un contesto di rivalutazione economica. Se conducono firma di Fazio e Speziali e un numero di serie iniziale XC A, arriveremmo a racimolare, qualcosa anche al di sopra dei 200 euro.

LEGGI ANCHE —–> Zodiaco, quali sono i segni che hanno sempre bisogno d’affetto

Maria Montessori, prima (e unica) donna sulle banconote italiane | daniela  e dintorni

Mentre tutte le banconote, risalenti al più recente anno 1995, con il volto della Montessori e una serie che inizia con una lettera diversa dalla “X” possono avere un valore più contenuto, tra i 3 e i 5 euro.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter