Massimo Bossetti, la sorella Laura: “Presto cambierò cognome”

Laura Bossetti, la sorella di Massimo Giuseppe, ha annunciato nel corso di un’intervista ad Oggi, l’intenzione di voler cambiare cognome.

massimo bossetti
colpevole (foto dal web)

La sorella di Massimo Giuseppe Bossetti, l’ex operaio di Mapello condannato all’ergastolo in via definitiva per l’omicidio di Yara Gambirasio, ha rilasciato un’intervista esclusiva al settimanale Oggi. Laura ha ammesso di volersi lasciare il passato alle spalle annunciando la decisione di voler cambiare il suo cognome: “Portarlo è come un macigno“. La donna non vede da circa tre anni il fratello che le nega il permesso di potergli fare visita in carcere.

Leggi anche —> Caso Yara. L’ avvocato di Bossetti: “Dimostreremo il clamoroso errore”

Massimo Bossetti, la sorella Laura: “Presto cambierò cognome, portarlo è un macigno”

Caso Yara
Yara Gambirasio – Foto dal web

Presto cambierò cognome, dopo quello che è successo è straziante portarlo, un macigno“. Queste le parole di Laura Bossetti, che ha rilasciato un’intervista al settimanale Oggi. La sorella di Massimo Giuseppe Bossetti, l’ex operaio condannato all’ergastolo nel 2018 per l’omicidio della 13enne Yara Gambirasio, ha dunque, espresso l’intenzione di voler cambiar cognome. Laura ha poi aggiunto: “Gli ho chiesto scusa – riporta Oggiper aver detto in passato che papà e mamma sono morti di dispiacere per il dolore di avere un figlio in carcere. Ho sbagliato, comunque è la verità“.

La donna, che non vede da circa tre anni il fratello, che le nega il permesso di vederlo in carcere, ha proseguito affermando che Massimo ha sua moglie e sta bene così. “Io gli auguro –afferma la sorella di Bossetti- tutto il bene possibile. È stata una tragedia e solo chi è dentro sa cosa si prova e cosa si passa. Ho raggiunto la mia tranquillità ed è per questo che ho deciso di lasciarmi il passato alle spalle e cambiare cognome“.

Leggi anche —> Massimo Bossetti: “Non ho ucciso io Yara. Sono disperato, mi mancano i miei figli”

Leggi anche —> Omicidio Yara Gambirasio: la ricostruzione del caso e le fasi del processo

Amanda sorvegliante
(foto dal web)

Attualmente Massimo Bossetti, che si è sempre dichiarato innocente, sta scontando la sua pena nel carcere di Bollate, dove sta scrivendo una biografia. Negli scorsi mesi, dopo la sentenza della Corte di Cassazione, i legali dell’ex muratore avevano richiesto la revisione del processo, ma la Corte europea dei diritti dell’uomo hanno rifiutato la richiesta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici anche sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter.